Trasporti nazionali e internazionali

“Le Vie del Mare” e il rilancio del Basso Lazio.

28 febbraio 2012
La Provincia di Latina si è impegnata, a partire dai primi mesi del 2011, in un’indagine profonda della situazione di porti e interporti del Mediterraneo e di come affrontano e si confrontano con le conseguenze della crisi.

Il passo successivo è stato quello di affidare all’Università Federico II di Napoli una ricerca più approfondita e dettagliata riguardo lo stesso tema.

I risultati di questa ricerca verrano comunicati il prossimo 9 marzo 2012 in sede del Consiglio provinciale previsto e a cui si unisce, proprio a partire dalla stessa ricerca, la proposta “Le Vie del Mare” - Portualità, Retroportualità e Inland Terminal del Basso Lazio: “Sviluppo dei Mercati della Logistica e dei Trasporti con riferimento alla Provincia di Latina”.

La Provincia di Latina è forte nei suoi obiettivi puntando sulla consapevolezza del proprio territorio ben predisposto ad ospitare nuove misure di innovazione strutturale.

Un percorso, che interessa la questione intermodale nel Sud Lazio e le vie del mare in termini di traffico crocieristico e di Autostrade del Mare, è già stato intrapreso e pone basamenti nella forte realtà produttiva del porto di Gaeta che comprende i settori che vanno dalle auto al farmaceutico, dal chimico all’ortofrutta.

“A rafforzare la bontà del nostro lavoro – afferma il presidente della Provincia di Latina Armando Cusani – vi è inoltre uno studio dalla Svimez sulla Ripresa economica e ruolo del Mezzogiorno, presentato nei giorni scorsi alla V Commissione Bilancio della Camera dei Deputati.

Le aree preferenziali individuate per questo sviluppo sono: l’area dell’Abruzzo meridionale, l’area del Basso Lazio e dell’alto casertano, l’area Torrese – Stabiese, l’area Pugliese Bari – Taranto – Brindisi, l’area della Piana di Sibari, l’area Catanese (Sicilia orientale) e l’area della Sardegna settentrionale.

Le aree inserite nel programma di sviluppo della Svimez comprendono un porto commerciale, spazi retroportuali e attività economiche che presentino un forte orientamento alle esportazioni.

La parola d’ordine è “produttivizzare”, produttivizzare il territorio in senso logistico per promuovere un aumento dell’occupazione e delle esportazioni.

Le basi sono buone, gli obiettivi chiari. L’appuntamento è fissato per il prossimo 9 marzo 2012.

Altri articoli per Trasporti nazionali e internazionali

Trasporti nazionali e internazionali
Trasporti nazionali e internazionali

Ultimi articoli per Trasporto

Servizi e accessori per il trasporto

Logistica e trasporti: a Karlsruhe le merci viaggeranno in tram

27 luglio 2021
Servizi e accessori per il trasporto

Nuovo accordo tra Amazon e Poste italiane nella logistica per l'e-commerce

19 luglio 2021
Servizi e accessori per il trasporto

Quali vantaggi dalle spedizioni online?

16 luglio 2021
Trasporti nazionali e internazionali

Aziende logistica e trasporti: una nuova immagine per Bracchi

14 luglio 2021
Software e sistemi per il trasporto

Telepass e TESISQUARE insieme per gestire la Supply Chain in real time

14 luglio 2021
Trasporti nazionali e internazionali

Logistica e trasporti: Confetra festeggia i 75 anni di storia

22 giugno 2021
Trasporti nazionali e internazionali

Piattaforma logistica del porto di Trieste, il futuro secondo Hhla

11 giugno 2021
Servizi e accessori per il trasporto

Logistica e trasporti: come spedire un pacco nel XXI secolo?

08 giugno 2021
Software e sistemi per il trasporto

Logistica 4.0 e digitalizzazione della Supply Chain: il caso Trenord

08 giugno 2021

Video

Vedi tutti
Dalle Aziende

Amazon Logistics - Programma Delivery Service Partner

28 giugno 2021
Eventi e Workshop
Logisticamente Out: il workshop in 60 secondi
29 maggio 2019
Interviste
La transpologistica - Global Summit
01 dicembre 2017

Newsletter

Iscriviti alle nostre newsletter!

Ricevi gratuitamente informazioni e aggiornamenti in materia di logistica, trasporti, magazzino.

Seguici su LinkedIn

Logisticamente.it