Servizi e accessori per il trasporto

L’Italia è prima… per il costo dell’autotrasporto merci

19 gennaio 2007
In breve
Una delle ragioni della situazione particolarmente penalizzante in cui si trova l’autotrasporto italiano sta nel fatto che la velocità commerciale media è in Italia più bassa rispetto agli altri paesi europei, per effetto della inadeguatezza della nostra rete stradale ed autostradale.
È l’Italia il paese con il record europeo del costo dell’autotrasporto di merci su gomma. Nel nostro Paese, se si considera un autoarticolato con cinque assi che percorra 100.000 km all’anno, il costo al chilometro è di 1,451 euro.
In Francia questo costo scende a 1,340 euro, in Germania a 1,289, in Spagna a 1,078, in Romania addirittura a 0,729 euro.

Questi dati emergono da una elaborazione compiuta dall’Osservatorio Due Torri, su uno studio del Comitato Centrale per l’Albo Nazionale degli autotrasportatori che ha determinato il costo per le imprese di autotrasporto di cose per conto terzi in otto paesi europei. 


Costo al chilometro di un autoarticolato con cinque  assi

 (percorrenza annua 100.000 km - anno 2006)

PAESE

COSTO AL KM (euro)

ITALIA

1,451

FRANCIA

1,340

GERMANIA

1,289

AUSTRIA

1,230

SLOVENIA

1,132

SPAGNA

1,078

UNGHERIA

0,953

POLONIA

0,845

ROMANIA

0,729

MEDIA

1,116

Fonte: elaborazione Osservatorio Due Torri su dati del Comitato Centrale per l’Albo Nazionale degli autotrasportatori

Una delle ragioni, ma non l’unica, della situazione particolarmente penalizzante in cui si trova l’autotrasporto italiano sta nel fatto che la velocità commerciale media è in Italia più bassa rispetto agli altri paesi europei, per effetto della inadeguatezza della nostra rete stradale ed autostradale.

In particolare, la velocità commerciale media nel 2006 per gli autoveicoli da trasporto pesante è stata di 50 chilometri all’ora, mentre in Francia ed in Germania è stata di 55.

La situazione da questo punto di vista è destinata a peggiorare perché da recenti analisi, sempre del Comitato Centrale per l’Albo nazionale degli autotrasportatori, emerge che la velocità commerciale in Italia sta diminuendo e potrebbe attestarsi intorno ai 45 km per effetto dell’aumento dei tempi 
di attesa
, di carico e scarico e dell’appesantimento dei flussi di traffico sulla rete stradale italiana.  Il maggior costo dell’autotrasporto italiano, fa notare l’Osservatorio Due Torri, non dipende però, come si accennava, soltanto da uno svantaggio in termini di velocità commerciale.

Se così fosse, esaminando la struttura dei costi, emergerebbe un maggior peso delle voci che incidono sul costo indipendentemente dal numero di chilometri percorsi, come ad esempio le assicurazioni.

Ma in effetti non è così. Come mostra la tabella, Tirrispetto alla media degli otto paesi europei considerati nello studio, per l’Italia l’unica voce di costo più bassa è la tassazione diretta sul veicolo, mentre tutte le altre sono sensibilmente più alte della media e portano il costo al chilometro in Italia a superare di quasi il 30% quello medio europeo. Particolarmente elevata è la differenza, rispetto alla media, dei costi dei pedaggi autostradali (+121%), delle assicurazioni (+72%) e degli pneumatici (+53%).
 

Confronto Italia-Europa del costo al chilometro di un autoarticolato con cinque assi per le principali voci di costo (percorrenza annua 100.000 km - anno 2006)

VOCI DI COSTO

COSTO IN ITALIA (in euro)

COSTO MEDIO EUROPEO (*)

SCOSTA-MENTO %

Pedaggi autostradali

0,103

0,047

121,24

Assicurazioni

0,082

0,048

72,43

Pneumatici

0,118

0,077

52,59

Costi conducente

0,494

0,370

33,59

Manutenzione e riparazione

0,081

0,062

31,12

Deprezzamento veicolo

0,261

0,222

17,39

Costo carburante

0,305

0,275

11,00

Tassazione del veicolo

0,007

0,016

-56,85

Totale

1,451

1,116

29,98

(*) Germania, Francia, Spagna, Polonia, Austria, Ungheria, Slovenia e Romania

Fonte: elaborazione Osservatorio Due Torri su dati del Comitato Centrale per l’Albo Nazionale degli autotrasportatori  

Secondo l’Osservatorio Due Torri, al di là della penalizzazione costituita dalla inadeguatezza strutturale del nostro Paese, gli autotrasportatori italiani soffrono per un insufficiente sviluppo della catena logistica del nostro Paese che penalizza anche gli autotrasportatori in quanto finisce per marginalizzarli in pure attività di trasporto escludendo spesso la loro partecipazione dalle attività più redditizie della catena logistica.

Sui conti degli autotrasportatori incide poi negativamente anche la politica commerciale seguita dalla maggior parte delle grandi imprese italiane che vendono franco fabbrica, lasciando all’acquirente italiano e soprattutto straniero la scelta dell’operatore logistico e dell’autotrasportatore.

Altri articoli per Servizi e accessori per il trasporto

Ultimi articoli per Trasporto

Trasporti nazionali e internazionali

Logistica e trasporti: aggiornamento dei corridoi ferroviari

05 agosto 2020
Software e sistemi per il trasporto

Trasporti e logistica marittima: quali saranno i porti del futuro?

27 luglio 2020
Software e sistemi per il trasporto

Geodis a supporto delle aziende logistiche con la piattaforma e-Logistics

23 luglio 2020
Software e sistemi per il trasporto

L’importanza della logistica marittima non è da sottovalutare

22 luglio 2020
Trasporti nazionali e internazionali

Mise: al via Smart Mobility un bando da 20 mln su trasporti e mobilità

01 luglio 2020
Servizi e accessori per il trasporto

Trasporto merci: il nuovo E-Ducato al servizio Mercitalia Logistics

25 giugno 2020

Video

Vedi tutti
Eventi e Workshop

"Alla ricerca della flessibilità" - webinar 07/07/2020

14 luglio 2020
Eventi e Workshop
Logisticamente Out: il workshop in 60 secondi
29 maggio 2019
Dalle Aziende
Conad Nord Ovest, la sfida vinta con Modula
11 maggio 2020

Newsletter

Iscriviti alle nostre newsletter!

Ricevi gratuitamente informazioni e aggiornamenti in materia di logistica, trasporti, magazzino.

Seguici su Twitter

@logisticamente