Servizi e accessori per il trasporto

Lo scenario attuale dei flussi di traffico merci transalpino interessanti l’Italia

07 aprile 2006
In breve
Il territorio alpino ha sempre esercitato un ruolo di cerniera tra popolazioni, culture e sistemi economici, al punto da trasformarsi in una vera e propria articolazione di vie di passaggio, dove però la verticalità dilata le distanze-tempo e dove i sentieri e le vie di comunicazione seguono itinerari dettati dal rilievo e dai sistemi di trasporto a disposizione.

Premessa
Il territorio alpino ha sempre esercitato un ruolo di cerniera tra popolazioni, culture e sistemi economici, al punto da trasformarsi in una vera e propria articolazione di vie di passaggio, dove però la verticalità dilata le distanze-tempo e dove i sentieri e le vie di comunicazione seguono itinerari dettati dal rilievo e dai sistemi di trasporto a disposizione. Attualmente esistono 17 principali direttrici di traffico, su 10 delle quali si sviluppa il 92% del volume del traffico transalpino di persone e merci. 
Per quanto riguarda in particolare il traffico merci, negli ultimi vent’anni i volumi movimentati sull’arco alpino sono cresciuti del 221%, in massima parte su gomma e per lo più in transito. Inoltre, diversi studi condotti a livello nazionale e comunitario prevedono non solo un ulteriore incremento dei volumi di traffico per i prossimi anni (scenari previsionali fino al 2030), ma anche un ulteriore squilibrio a favore della strada rispetto al trasporto ferroviario e combinato qualora non vengano adottate soluzioni di intervento efficaci.

I tre segmenti dell'arco alpino
Dati disaggregati territorialmente e per modo di trasporto relativi al traffico di merci attraverso l’arco alpino sono disponibili, in serie storica (dal 1984 al 2004), nell’ambito di “Alpinfo”, una pubblicazione periodica a cura dell’Ufficio Federale per lo Sviluppo Territoriale della Confederazione Elvetica (ARE).
L’ARE ripartisce il sistema dei valichi che costituiscono l’arco alpino in tre segmenti:
1) il “segmento A”, che comprende l’insieme dei valichi che vanno dal Moncenisio al Brennero;
2) il “segmento B”, che comprende l’insieme dei valichi che vanno da Ventimiglia al Tarvisio (traffici da/per l’Italia);
3) il “segmento C”, che comprende anche i valichi che non appartengono alla frontiera italiana, estendendosi da Ventimiglia a Vienna.

Considerando i dati relativi al cosiddetto “arco alpino B” (valichi di Ventimiglia, Monginevro, Moncenisio, Frejus, Monte Bianco, Gran San Bernardo, Sempione, San Gottardo, San Bernardino, Reschen, Brennero e Tarvisio), risulta che nel 2004 il traffico merci su strada e ferrovia è stato pari a circa 155 milioni di tonnellate, con una crescita del 5% rispetto all’anno precedente e del 127% rispetto al 1984. 
Circa 96 milioni di tonnellate costituiscono il traffico così definito “di transito”, ossia non originato o destinato nei Paesi confinanti (pari a circa il 62% del totale). Il valico che assorbe una maggiore quantità di traffico che transita attraverso i paesi confinanti è il Brennero, con il 32%; gli altri valichi più importanti si attestano ad una quota che va dal 10% al 17%. 
In generale, la ripartizione modale al 2004 su tutti i valichi considerati è (fig. 1): 
- Strada 70,1% 
- Ferrovia (tradizionale+combinato) 29,9% 
Questo dato medio risulta fortemente differenziato se si considera la ripartizione modale per paese confinante. In particolare, occorre tener presente che la quota di traffico ferroviario nell’arco del segmento alpino B che interessa la Svizzera raggiunge ben il 64,7%, mentre solo il 14,6% in Francia ed il 23,2% in Austria. 
Per quanto riguarda invece i traffici su gomma, nel 2004 i valichi considerati sono stati attraversati da 108,4 milioni di tonnellate così ripartiti: 
- il 40% ha interessato la Francia; 
- l’11,5% ha interessato la Svizzera;
- il 48,5% ha interessato l’Austria. 

Figura 1 - La ripartizione modale (%) ai valichi – Anno 2004

Fonte: nostra elaborazione su dati ARE ( 2005)

L'evoluzione del traffico stradale
L’evoluzione del traffico stradale mostra un aumento crescente fino al 2000, un leggero decremento nel 2001, per poi riprendere a salire. In termini di autoveicoli, nel 2004 l’intero segmento B dell’arco alpino è stato attraversato da 7,3 milioni di veicoli merci pesanti (autocarri, autotreni e autoarticolati con peso superiore a 3,5 tonnellate), e cioè circa il 4% in più rispetto all’anno precedente. Tale evoluzione è stata più marcata sui valichi che interessano la Francia e l’Austria, mentre per la Svizzera la crescita è meno accentuata. 
Il traffico di veicoli pesanti ha interessato principalmente il Brennero, con 1,98 milioni di veicoli/anno, il Tarvisio, con 1,40 milioni di veicoli/anno, Ventimiglia, con 1,28 milioni di veicoli/anno ed il Frejus, con 1,16 milioni di veicoli/anno. In termini percentuali, circa l’80% del traffico è supportato dai valichi del Brennero (27,1%), Tarvisio (19,2%), Ventimiglia (17,6%) e Frejus (15,9%). Attraverso il San Gottardo sono passati il 13,3% dei mezzi e attraverso il Monte Bianco il 4,8% (fig. 2). 
Il numero di veicoli pesanti per il trasporto merci attraverso le Alpi svizzere si è ridotto di circa il 3,5% rispetto al 2003 e del 10,6% rispetto al 2000, ultimo anno prima dell’introduzione della tassa sul traffico pesante commisurata alle prestazioni (TTPCP) e del limite delle 34 tonnellate per quanto riguarda il peso ammissibile dei veicoli industriali. La quota di merci trasportate è però aumentata del 40,4%.

Figura 2 – La ripartizione del flusso totale stradale – Anno 2003


Fonte: nostra elaborazione su dati ARE ( 2005)


Il traffico ferroviario
Per quanto riguarda invece il traffico ferroviario complessivo sui valichi del segmento alpino B, negli ultimi anni si è registrata una notevole crescita del trasporto combinato. In particolare, se nel 1990 il traffico ferroviario rappresentava circa il 40% dei traffici transalpini totali (stradali e ferroviari) e il combinato (accompagnato e non) il 30% dell’intero traffico ferroviario, nel 2004, invece, il traffico ferroviario ha rappresentato circa il 30% dei traffici transalpini totali e il combinato circa il 52% dell’intero traffico ferroviario. Il valico più utilizzato risulta essere quello del San Gottardo, seguito dal Brennero, dal Moncenisio, dal Tarvisio, dal Sempione e da Ventimiglia (tab. 1).

Tabella 1 – Traffico ferroviario ai valichi del Segmento alpino B – Anno 2004 (milioni di tonnellate)


Fonte: nostra elaborazione su dati ARE ( 2005)


In tabella 2 si riportano invece le variazioni percentuali di traffico registrate nel 2004 rispetto all’anno precedente.

Tabella 2 – Traffico ferroviario ai valichi del Segmento alpino B – Variazioni percentuali 2004-2003


Fonte: nostra elaborazione su dati ARE ( 2005)


Gli scenari di sviluppo nel breve e medio termine lasciano prevedere un ulteriore incremento della domanda di traffico merci attraverso le Alpi, che si orienterà sulla strada o sulla ferrovia in relazione alle condizioni economiche, normative, tecnologiche, infrastrutturali e di riequilibrio modale che verranno a determinarsi.

Altri articoli per Servizi e accessori per il trasporto

 suppy chain
Servizi e accessori per il trasporto

Ultimi articoli per Trasporto

Trasporti nazionali e internazionali

Logistica e trasporti sfidano il periodo di lockdown e ne escono vincitrici...

25 settembre 2020
Trasporti nazionali e internazionali

“Il Governo presti la massima attenzione per la logistica e il trasporto me...

24 settembre 2020
Servizi e accessori per il trasporto

Trasporti e sicurezza: le informazioni da sapere sul peso di un veicolo pri...

22 settembre 2020
Servizi e accessori per il trasporto

Una nuova suppy chain e la servitization in logistica

21 settembre 2020
Software e sistemi per il trasporto

Sicurezza informatica e digitalizzazione, come bisogna intervenire sul tras...

18 settembre 2020
Trasporti nazionali e internazionali

Decreto Semplificazioni, quali sono le misure adottate per infrastruttura, ...

17 settembre 2020
Servizi e accessori per il trasporto

SpedireAdesso.com premia i vincitori del contest fotografico “Io invio”

17 settembre 2020
Trasporti nazionali e internazionali

Logistica e trasporti, com’è la ripresa post Covid-19?

10 settembre 2020
Trasporti nazionali e internazionali

Ripresa per i trasporti nazionali e internazionali post Covid-19

09 settembre 2020
Servizi e accessori per il trasporto

Logistica e spedizione, potenziato il trasporto aereo di farmaci con Luftha...

07 settembre 2020
Trasporti nazionali e internazionali

Nel DL Semplificazioni non servono i requisiti professionali per la guida d...

04 settembre 2020
Servizi e accessori per il trasporto

Logistica per l’e-commerce: Amazon e Mercedes-Benz a favore del trasporto s...

02 settembre 2020

Video

Vedi tutti
Eventi e Workshop

"Alla ricerca della flessibilità" - webinar 07/07/2020

14 luglio 2020
Eventi e Workshop
Logisticamente Out: il workshop in 60 secondi
29 maggio 2019
Dalle Aziende
Conad Nord Ovest, la sfida vinta con Modula
11 maggio 2020

Newsletter

Iscriviti alle nostre newsletter!

Ricevi gratuitamente informazioni e aggiornamenti in materia di logistica, trasporti, magazzino.

Seguici su LinkedIn

Logisticamente.it