Hardware e Software per il magazzino

Presentati i risultati dell'indagine condotta da CSC su oltre 100 imprese europee

02 marzo 2010
Il 73% delle imprese europee intende rivedere i propri punti di approvvigionamento e addirittura il 57% pensa di farlo molto rapidamente.

Ancora, l'88% ha definito obiettivi precisi per permettere alla funzione acquisti di generare risparmi, inclusa una certa pressione sui fornitori: la percentuale di saving attesa risulta infatti superiore al 6% per l'80% delle aziende, che sono chiamate a ottenere miglioramenti tangibili e in breve tempo.

Questi alcuni dei risultati emersi dal Barometro SRM (Supply Relationship Management) presentato a Milano, giovedì 25 febbraio da CSC, multinazionale americana di servizi e soluzioni IT innovativi, durante la "Supply Chain Managers' Executive Dinner" promossa da Business International.

La ricerca riporta i risultati delle interviste ai responsabili acquisti e/o logistica di un campione di oltre 100 aziende europee pubbliche e private con oltre 1.000 dipendenti, a dimostrazione che la logistica è ormai parte integrante della strategia di crescita di qualsiasi impresa.

I manager sono stati interrogati su quattro temi principali: le loro preoccupazioni, la valutazione delle performance, gli obiettivi ed il sistema informatico della loro funzione.

L'incontro/cena, dedicato al nuovo ruolo del Supply Chain Manager ha visto la partecipazione di Stephane Plovier, Global Business Consulting Practice Director di CSC, Paolo Prandini, Master Principal Sales Consultant di Oracle, Daniela Colombo, Supply Chain Manager di Canon Italia, Sergio Guastella, Supply Chain Director di Tetra Pak Italia, Marco Toppano, Direttore Supply Chain di Sanpellegrino, Aldo Cammaroto, Direttore Supply Chain di Poltrona Frau, Alberto Boninsegni, Direttore Supply Chain di Danone Italia, Pierluigi Cavicchi, Direttore Logistica di De Longhi e Federico Caniato, Docente di Supply Chain Management del Politecnico di Milano (in qualità di Chairman).

Molti gli spunti di riflessione emersi dalla Tavola Rotonda sulle strategie di sviluppo della Supply Chain per la crescita post recessione. «La creazione della cultura della Supply Chain all'interno dell'azienda e la visibilità stessa sono legate alla capacità di trasmettere i risultati della SC anche in chiave finanziaria al CEO in maniera chiara e sintetica». Pierluigi Cavicchi, Direttore Logistica di De Longhi.

Così Marco Toppano, Direttore Supply Chain di Sanpellegrino, sul tema della sostenibilità: «Oggi la sostenibilità deve essere parte della strategia aziendale per poter essere perseguita, in questo contesto la supply chain gioca un ruolo importante per implementare soluzioni di logistica a minor impatto ambientale che possono anche portare a una convenienza economica perl'azienda.
Questo è un obiettivo strategico importante per un'azienda come Sanpellegrino».

Altri articoli per Hardware e Software per il magazzino

Ultimi articoli per Magazzino

Unità di carico

Pallet: Cosa sono e come funziona la spedizione?

04 dicembre 2020
Hardware e Software per il magazzino

I tempi di consegna: un dato fondamentale per gestire bene le scorte

18 novembre 2020
Hardware e Software per il magazzino

Come scegliere il software WMS più adatto alla propria azienda? Ne parliamo...

17 novembre 2020
Hardware e Software per il magazzino

Per Oracle il futuro della logistica 4.0 si basa su A.I, IoT, Cloud e Block...

12 novembre 2020

Video

Vedi tutti
Dalle Aziende

Rite Hite presenta il supporto per rimorchi TS-2000

02 dicembre 2020
Eventi e Workshop
Logisticamente Out: il workshop in 60 secondi
29 maggio 2019
Interviste
Sistema integrato VS dipartimentale - Global Summit
28 febbraio 2018

Newsletter

Iscriviti alle nostre newsletter!

Ricevi gratuitamente informazioni e aggiornamenti in materia di logistica, trasporti, magazzino.

Seguici su LinkedIn

Logisticamente.it