Consulenza e formazione

Privatizzazione Tirrenia: ok ma con riserva dalla Commissione UE

23 dicembre 2009
Dopo mesi di confronto, Bruxelles ha inviato a Roma una lunga lettera in cui si afferma che le modalità delle operazioni di privatizzazione di Tirrenia proposte dal Governo italiano sono accettabili, punrché vengano rispettate una serie di condizioni.

Matthias Ruete, direttore generale ai trasporti nella Commissione UE, nella lettera sollecita tempi rapidi per il riassetto, ma aggiunge che la procedura di infrazione nei confronti dell'Italia partirà comunque, dato che per l'attuazione del piano non sarà sicuramente rispettata la scadenza del 31 dicembre 2009.
La procedura sarà interrotta o archiviata «non appena» l'Italia si rimetterà in linea con il rispetto delle norme europee sul cabotaggio marittimo.

La Commissione fa presente che la realizzazione delle gare per la ripresa di Tirrenia di Navigazione e delle sue controllate «forza non poco le regole del cabotaggio marittimo».

Questo perché - sottolinea il documento - gli armatori interessati a fornire il servizio pubblico, ma non ad acquisire le compagnie di navigazione, «saranno di fatto esclusi dalle gare», in violazione dunque del principio di non discriminazione tra gli armatori europei.

Se dunque la Ue considera «accettabile» - in linea di principio e una tantum - la proposta italiana, è solo perché essa da un lato prospetta un «radicale riassetto» del settore e dall'altro paventa un pesante «impatto sociale» in caso di una riorganizzazione differente.

La Commissione Ue sottolinea, intanto, che il servizio pubblico deve essere limitato alle linee per le quali la presenza ininterrotta durante tutto l'anno di altri operatori non è effettivamente assicurata.

Inoltre, la durata dei contratti di servizio pubblico non deve andare oltre a quanto «strettamente necessario» per il successo della privatizzazione: non oltre 8 anni, dunque, per Tirrenia di Navigazione e fino a 12 anni per le società regionali.

Ancora: l'Ue chiede procedure «trasparenti e non discriminatorie» nella gara per Tirrenia; in particolare, il governo non dovrebbe imporre ai potenziali acquirenti condizioni di «natura pubblica», come il mantenimento dei livelli occupazionali, mentre le varie società dovranno essere vendute a condizioni di mercato e quindi a chi offre il prezzo più alto.

La Commissione avvisa poi che, a riassetto avviato, valuterà se vi saranno «aiuti di stato» non compatibili con le norme UE, mentre richiede che le risorse finanziarie per l'ammodernamento della flotta Tirrenia rientrino nell'ambito della compensazione del servizio pubblico.

Inoltre, l'UE chiede che eventuali ammortizzatori sociali siano applicati solo ai dipendenti licenziati in occasione della privatizzazione.
Quanto alla privatizzazione delle società regionali (Siremar su tutte) Bruxelles fa sapere che andranno «valutate caso per caso».

Il commissario UE ai trasporti, Antonio Tajani, ha definito la risposta di Bruxelles «una notizia positiva» per Tirrenia e per l'Italia, aggiungendo che ora «è importante fare in fretta nell'attuare l'accordo».

Secondo il ministro dei Trasporti, Altero Matteoli, il bando di gara sarà approvato entro Natale e la privatizzazione sarà fatta entro il 2010.

Altri articoli per Consulenza e formazione

Ultimi articoli per Supply Chain

Video

Vedi tutti
Dalle Aziende

Shark: un solo veicolo, tante applicazioni

28 settembre 2020
Eventi e Workshop
Logisticamente Out: il workshop in 60 secondi
29 maggio 2019
Interviste
Logistica immobiliare: un mercato in fermento
15 ottobre 2018

Newsletter

Iscriviti alle nostre newsletter!

Ricevi gratuitamente informazioni e aggiornamenti in materia di logistica, trasporti, magazzino.

Seguici su LinkedIn

Logisticamente.it