Consulenza e formazione

IX Osservatorio Indicod-Ecr: segnali di ottimismo nell'incertezza generale

25 settembre 2009
Le imprese Indicod-Ecr, l'associazione che raggruppa 34mila aziende industriali e distributive del settore dei beni di consumo, confermano l'attuale situazione di incertezza del contesto economico, mostrando però un'iniziale ripresa in tema di ottimismo.

L'Osservatorio, frutto di un'indagine tenutasi presso un campione di imprese rappresentativo del settore del largo consumo, ha registrato un valore che ricorda quello rilevato nella prima parte del 2008.

L'indice generale passa da 72,3 a 83,0, rimanendo quindi in territorio negativo.
Questo valore è guidato prevalentemente dalla componente delle aspettative per i prossimi sei mesi del 2009, che passano da 76,7 a 98.

E' quanto emerge dall'ultima rilevazione dell'Osservatorio economico, lo studio che dal 2005 rileva il sentiment degli associati Indicod-Ecr, le loro percezioni e attese sui temi di macro e micro economia.

I minimi raggiunti nella precedente rilevazione lasciano il posto ad aspettative maggiormente positive: la crisi è ancora in atto ma non durerà per molto.

«Gli associati Indicod-Ecr indicano che il clima di fiducia riprende a salire» commenta Giuseppe Brambilla di Civesio, Presidente di Indicod-Ecr.

«Sia i produttori di beni di consumo che le aziende distributive sono concordi nell'immaginare un ciclo economico leggermente in ripresa e possiamo dire che la fine del 2009 si affronta con un sentiment più positivo».

Anche per Indicod-Ecr l'occupazione appare ancora in una situazione critica: negli ultimi sei mesi gli associati Indicod-Ecr hanno registrato ancora una diminuzione in termini assoluti, già anticipata dalle aspettative di sei mesi fa.

Le aspettative per i prossimi sei mesi, però, subiscono un netto miglioramento: viene, infatti, rilevata una riduzione degli organici ma si prevede che nei prossimi sei mesi la situazione cambierà in meglio (indicatore passa da 91,1 a 95,4).

Sul lato dei prezzi, nella prima parte dell'anno si è assistito ad un protrarsi dell'effetto del forte calo del prezzo del petrolio e delle commodity sull'inflazione al consumo, che è passata dal +2,2% tendenziale di dicembre al +0,5% di giugno.

Le aspettative di inflazione degli associati Indicod-Ecr sono coerentemente in riduzione sia per l'indice generale sia per il proprio settore di appartenenza.

Tale indicazioni dovrebbero confermare la crescita limitata (circa 0,7% - inflazione acquisita a luglio 2009, fonte Istat) prevista del tasso di inflazione per il 2009, soprattutto nei settori del largo consumo, interessati nel corso degli ultimi anni da forti tensioni dal lato degli acquisti.

A conferma di tale dato, gli indici relativi all'andamento dei propri prezzi di vendita, percepiti e attesi, mostrano ancora riduzioni per tutti i settori.

Altri articoli per Consulenza e formazione

Ultimi articoli per Supply Chain

Video

Vedi tutti
Dalle Aziende

Conad Nord Ovest, la sfida vinta con Modula

11 maggio 2020
Eventi e Workshop
Logisticamente Out: il workshop in 60 secondi
29 maggio 2019
Interviste
Logistica immobiliare: un mercato in fermento
15 ottobre 2018

Newsletter

Iscriviti alle nostre newsletter!

Ricevi gratuitamente informazioni e aggiornamenti in materia di logistica, trasporti, magazzino.

Seguici su Twitter

@logisticamente