Consulenza e formazione

Investment Day in Japan: CePIM rappresenta gli interporti italiani

21 settembre 2009
Gli interporti italiani come prospettiva di investimento: sul know how logistico e sullo sviluppo dell'intermodalità. Queste sono state le linee dell'intervento svolto venerdì 18 settembre da Nicola Paradiso, Marketing Manager dell'Interporto di Parma, al roadshow "Investment Day in Japan" di Tokio, dove CePIM è stato chiamato a rappresentare la realtà interportuale italiana: 24 infrastrutture sull'intero territorio nazionale riunite in un'unica associazione: l'UIR (Unione Interporti Riuniti).

L'intervento, sul tema delle opportunità offerte dai Freight Villages italiani, era inserito in uno dei due focus di approfondimento - sui settori delle energie rinnovabili e della logistica - nel programma della giornata conclusiva della manifestazione.

«Gli interporti italiani - ha sottolineato Paradiso nella sua relazione - sono infrastrutture complesse che hanno registrato negli ultimi anni un notevole incremento, non soltanto fisico, con l'aumento degli spazi dedicati a magazzini e intermodalità, ma soprattutto di tipo economico, per la quantità di merce movimentata ed il fatturato, ed occupazionale (nel biennio 2005-2007 gli addetti sono cresciuti del 21,2%)».

Nicola Paradiso ha poi ricordato la gamma e la qualità dei servizi alle merci che sono resi possibili all'interno delle strutture interportuali, proprio grazie alla concentrazione delle attività e alle economie di scala operabili, e il grado di efficienza che le contraddistingue, con ricadute positive anche sull'ambiente.

Circa quattrocento i partecipanti internazionali accreditati al workshop organizzato da Invitalia e Bank of Tokio-Mitsubishi UFJ, che si svolge in questi giorni tra Osaka e Tokio nell'ambito del programma "Italia in Giappone 2009", coordinato dal Ministero degli Affari Esteri italiano, al quale nella giornata di giovedì 17 ha preso parte il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano.

«Iniziative come questa - ha commentato Johann Marzani, presidente di CePIM - costituiscono un importante canale per il consolidamento di nuove relazioni economiche e la promozione all'estero della cultura logistica interportuale italiana».

«Opportunità che vanno colte - ha aggiunto Luigi Capitani, a.d. di CePIM ma anche presidente di InLog, società costituita dai più importanti interporti per sviluppare sotto il profilo logistico-distributivo progetti di internazionalizzazione di impresa - per le potenzialità di business, che dobbiamo poi saper trasformare in termini concreti, sul campo, con il contributo di tutti gli attori, sia economici sia istituzionali».

Altri articoli per Consulenza e formazione

Ultimi articoli per Supply Chain

Video

Vedi tutti
Dalle Aziende

Shark: un solo veicolo, tante applicazioni

28 settembre 2020
Eventi e Workshop
Logisticamente Out: il workshop in 60 secondi
29 maggio 2019
Interviste
Logistica immobiliare: un mercato in fermento
15 ottobre 2018

Newsletter

Iscriviti alle nostre newsletter!

Ricevi gratuitamente informazioni e aggiornamenti in materia di logistica, trasporti, magazzino.

Seguici su LinkedIn

Logisticamente.it