Alla scoperta di come l’Intelligenza Artificiale (AI) trasformerà (e sta già trasformando) la gestione del magazzino. Scopri di più




Non si può non sapere

Logistica, ecco 6 modi in cui l’AI trasformerà la gestione del magazzino

21 Marzo 2023

L’intelligenza artificiale da tempo ha smesso di essere fantascienza entrando, pian piano, nella vita reale, dalle nostre case, ai trasporti, ai dispositivi mobili, fino agli sviluppi rivoluzionari nel mondo degli affari e dell’Industria 4.0.
L’intelligenza artificiale (AI) e il Machine learning (ML) stanno rapidamente rivoluzionando tutto ciò che pensavamo di sapere sull’industria, trasformando la gestione del magazzino e la logistica della supply chain.

Cos’è un magazzino intelligente? Quali sono i vantaggi?

Un magazzino intelligente combina varie tecnologie interconnesse per formare un ecosistema in cui un’intera operazione commerciale, dalla fornitura alla consegna, è governata dall’intelligenza artificiale (AI).
Le merci vengono ricevute in magazzino, identificate e smistate, elaborate, imballate e prelevate per la spedizione, il tutto automaticamente e con un margine di errore minimo.
La gestione del magazzino così diventa più agile, con risposte più rapide alle richieste logistiche di materiali e personale, e più scalabile in termini di ricerca di nuove soluzioni per volumi e flussi maggiori di prodotti.

L’intelligenza artificiale come trasformerà il magazzino?

Il magazzino completamente automatizzato non è ancora stato raggiunto, ma questi sono alcuni dei modi in cui l’intelligenza artificiale trasformerà la gestione del magazzino:

1. La comunicazione

I sistemi automatizzati che utilizzano l’IA e gli algoritmi di machine learning sono in grado di comunicare a una velocità esponenzialmente maggiore rispetto agli operatori umani.
Molte attività legate al magazzino sono già automatizzate, ma l’introduzione di dispositivi abilitati all’IIoT (Industrial internet of things) in questi processi ne migliorerà enormemente la velocità e la precisione.
Le comunicazioni dati wireless I-O Link e Fieldbus consentono a tutti gli elementi del sistema di dialogare tra loro, con un dialogo che comprende il monitoraggio e il controllo del sistema.
I processi di deep learning consentono alle macchine di condurre un’analisi costante dei flussi di dati prodotti da questi componenti, permettendo loro di implementare regolazioni e miglioramenti in tempo reale in un sistema integrato di gestione del magazzino.

2. Logistica di magazzino

Un altro modo in cui l’intelligenza artificiale trasformerà la gestione del magazzino è l’ottimizzazione della logistica, ossia il calcolo del numero di pallet o colli che devono essere spostati in un determinato giorno e della quantità di attrezzature necessarie per gestire tale movimento.
Mentre in precedenza questo calcolo si basava su variabili quali il livello di abilità dell’operatore e le SKU (Unità di Mantenimento delle Scorte), gli algoritmi di machine learning consentono di prevedere e gestire in modo dettagliato i movimenti delle scorte per mettere a punto la movimentazione dei materiali.
In questo modo è possibile ridurre gli errori dell’operatore e i tempi di lavorazione, con un corrispondente aumento dell’efficienza e della produttività complessive.

3. Produttività

L’intelligenza artificiale trasformerà ulteriormente la gestione del magazzino migliorando la produttività dei processi di prelievo e imballaggio.
I prodotti software per lo slotting forniscono già un’interfaccia che include regole operative da implementare nel magazzino intelligente, offrendo una strategia di SKU consigliata in base allo storico delle vendite e alle previsioni.
Sebbene gli addetti utilizzino ancora la conoscenza e l’esperienza personale per regolare la strategia di slot, questa pratica sarà sempre più abbandonata a favore degli algoritmi di machine learning.

4. Inventario

L’intelligenza artificiale trasformerà anche la gestione del magazzino, riducendo le spese per il controllo delle scorte a favore di altre opportunità di crescita aziendale.
L’RFID (Identificazione a Radiofrequenza) sta sostituendo le tracce cartacee e gli scanner di codici a barre per l’organizzazione e il controllo dell’inventario, tracciando i prodotti con etichette digitali e consentendo un controllo dell’inventario più preciso e accurato.
Poiché il sistema utilizza le onde radio per trasferire i dati, gli scanner RFID non necessitano di un controllo diretto in linea d’aria, ma vengono semplicemente puntati nella direzione generale di un prodotto per identificarlo e dirigerne il movimento all’interno, intorno e fuori dal magazzino.
Questo aspetto del magazzino intelligente può anche essere collegato all’unità centrale di elaborazione dell’intelligenza artificiale, regolando la velocità e il volume dell’elaborazione degli ordini per aumentare la produttività complessiva.

5. I robot

L’intelligenza artificiale sta già trasformando i magazzini con l’uso di robot, che possono prelevare le merci e ridistribuirle in una frazione del tempo richiesto dagli operatori.
Gli algoritmi di apprendimento automatico possono aiutare i robot di magazzino a selezionare i percorsi di prelievo e di smistamento più efficienti e a determinare il tipo di imballaggio migliore in base alle dimensioni, al numero, al peso e al tipo di prodotto.
Alcune macchine sono in grado di imballare da sole i prodotti, utilizzando l’intelligenza artificiale per ottimizzare lo spazio e i materiali.

6. I costi

Forse il modo più controverso in cui l’IA trasformerà la gestione del magazzino è la riduzione dei costi, anche se inizialmente potrebbe essere compensata dagli investimenti tecnologici necessari.
Allo stadio attuale di sviluppo, l’assistenza robotica ha un impatto sulle operazioni esistenti solo come aiuto alla produttività, ma l’IA potrebbe – e continuerà – a migliorare le capacità di gestione delle macchine.





A proposito di Non si può non sapere