Questo sito richiede JavaScript per funzionare correttamente. Si prega di abilitare JavaScript nel browser e ricaricare la pagina.
I 7 vantaggi della tecnologia RFID nella gestione della supply chain e nella logistica

La tecnologia RFID può aiutare le aziende nelle operazioni di supply chain, favorendo la tracciabilità dei prodotti e migliorandone potenzialmente la disponibilità. Scopri alcuni degli altri vantaggi




Non si può non sapere

I 7 vantaggi della tecnologia RFID nella gestione della supply chain e nella logistica

5 Dicembre 2022

La tecnologia RFID esiste da molti anni, è una tecnologia che offre ai responsabili della logistica diversi modi per tracciare e gestire prodotti e beni lungo la supply chain.
I tag e gli scanner RFID possono potenzialmente migliorare la gestione dei prodotti e dei materiali all’interno e all’esterno del magazzino, con applicazioni che vanno dalla gestione dell’inventario all’automazione.

Ecco alcuni dei vantaggi che la RFID può apportare alla supply chain:

1. Migliora la tracciabilità dei prodotti grazie all’integrazione con i WMS

I sistemi di gestione del magazzino (WMS) tengono traccia del ricevimento, dello stoccaggio e della distribuzione delle merci.
Un WMS memorizza i dati relativi ai livelli di inventario, alle posizioni dei prodotti, ai dettagli di riordino e ad altre informazioni che gli utenti possono richiedere per la gestione della supply chain.
Gli utenti possono integrare la tecnologia RFID con un WMS per rendere potenzialmente più veloce, più facile e più accurata la tracciabilità dei prodotti.
Quando le merci arrivano in un magazzino, i dipendenti possono utilizzare uno scanner RFID per scansionare le merci su ogni pallet e aggiungere le nuove scorte al WMS.
Quando i dipendenti immagazzinano i prodotti nel magazzino, possono scansionare il prodotto e il numero del contenitore per consentire la tracciabilità della posizione.
Inoltre, quando gli addetti al picking selezionano la merce, possono scansionare ogni etichetta RFID e contrassegnare l’articolo come in uscita dal centro di distribuzione.

2. Migliora l’efficienza della movimentazione dei prodotti

I tag RFID possono essere utili anche per la pianificazione degli itinerari e la movimentazione delle merci all’interno e tra le sedi della catena di distribuzione.
I dipendenti del magazzino possono applicare i tag RFID su beni logistici come camion, container, carrelli elevatori e altre attrezzature per la movimentazione dei materiali, in modo che i lavoratori sappiano sempre dove si trovano le attrezzature e possano recuperarle rapidamente per trasportare i prodotti.

3. Aumenta la velocità di conteggio dell’inventario

I tag e gli scanner RFID possono contribuire a velocizzare il conteggio e la riconciliazione dell’inventario, perché i dipendenti del magazzino possono utilizzare dispositivi RFID portatili per scansionare facilmente e con precisione i tag RFID.
Alcuni scanner contano i tag uno per uno per ogni singolo articolo, mentre altri possono contare quasi simultaneamente tutti i tag in una determinata posizione.
Un conteggio più rapido e frequente dell’inventario può portare anche a una gestione più accurata delle scorte.

4. Aiuta a correggere i conteggi errati delle scorte

La tecnologia RFID facilita l’identificazione dell’origine dei problemi di ricezione, stoccaggio o distribuzione dei prodotti.
I dipendenti del magazzino possono utilizzare la tecnologia RFID per tracciare il movimento di un singolo prodotto e indagare sul motivo di una discrepanza.
Ad esempio, se un dipendente ha immagazzinato un articolo nella posizione sbagliata, uno scanner RFID può identificare l’etichetta altrove e avvisare l’utente.
Poiché l’RFID fornisce informazioni su come si è verificato il problema, può aiutare i responsabili del magazzino a prendere provvedimenti per evitare che il problema si ripeta.

5. Aiuta a migliorare la disponibilità dei prodotti

I clienti di oggi si aspettano che tutti i prodotti siano sempre disponibili, e combinare le informazioni sulla domanda dei consumatori con la tracciabilità dei prodotti RFID può aiutare i fornitori a garantire che i loro prodotti siano disponibili in magazzino quando necessario.
I fornitori, i produttori e i rivenditori che utilizzano la tecnologia RFID conoscono la posizione dei prodotti in ogni momento, perché la tecnologia RFID è in grado di tracciare i prodotti lungo tutta la catena di fornitura.
Questi gruppi possono quindi verificare il numero di prodotti presenti in un determinato luogo e assicurarsi di averne a sufficienza per soddisfare i livelli di vendita previsti e le previsioni.
La RFID può potenzialmente contribuire a migliorare l’esperienza del cliente, perché combinandola con le informazioni sulla domanda dei consumatori può portare a una maggiore disponibilità dei prodotti.

6. Aiuta ad automatizzare il ricevimento, lo stoccaggio e la distribuzione dei prodotti

I magazzini di oggi utilizzano spesso l’automazione per cercare di accelerare la ricezione delle merci, lo stoccaggio dell’inventario, il picking e la distribuzione; l’RFID consente alla robotica e ad altre tecnologie di identificare, gestire e instradare i prodotti.
I tag dei prodotti aiutano i robot a percepire i prodotti e a conservarli o a recuperarli da una posizione specifica, mentre i tag degli imballaggi consentono alla tecnologia automatizzata di selezionare i tipi di confezione ideali per determinati articoli.
I tag delle attrezzature aiutano i robot a spostare i prodotti utilizzando una tecnologia di prelievo e imballaggio specializzata.
La tecnologia di automazione può ridurre la necessità di manodopera umana, riducendo così i costi complessivi dell’azienda.

7. Aiuta a ottimizzare il processo di produzione

La tecnologia RFID può contribuire a ridurre i costi di produzione e ad aumentare la velocità di produzione, pur mantenendo gli standard di qualità.
I fornitori possono utilizzare i tag RFID per tracciare le materie prime e i pezzi all’interno delle loro strutture, riducendo potenzialmente la necessità di riordinare i pezzi che si credevano persi.
Inoltre, le macchine di produzione possono utilizzare l’RFID per identificare e selezionare i componenti e costruirli in prodotti pronti per il consumo.

Vuoi conoscere in anteprima le notizie pubblicate su Logisticamente.it?

Ricevi la newsletter gratuita per rimanere aggiornato sulle ultime novità del mondo della logistica





A proposito di Non si può non sapere