Non si può non sapere

Come la tecnologia aiuta a prevenire le interruzioni della supply chain?

04 ottobre 2022
Le carenze di prodotti legate alla pandemia - dai chip per computer ai materiali da costruzione - avrebbero dovuto essere già risolte.
Ma non è così.
Al contrario, il mondo ha imparato a conoscere gli effetti delle interruzioni della supply chain.
Di conseguenza, le aziende sono alla ricerca di modi per rafforzare le loro catene di approvvigionamento.
Il COVID-19 ha messo alla prova le supply chain come mai prima d'ora.
Tuttavia, le debolezze messe in luce da questa crisi non sono nuove, sono già state riscontrate in passato; la pandemia ha solo dimostrato quanto facilmente le catene di approvvigionamento globali possano diventare instabili.

Per anni, le aziende hanno misurato il successo della supply chain in base alla capacità di ridurre i costi e aumentare l'efficienza.
La gestione delle scorte just-in-time (JIT) è diventata una forma d'arte e i maestri di questa pratica hanno raggiunto nuovi livelli di precisione.
Poi, il 2020 ha mandato un'onda d'urto a molte strategie just-in-time.
L'interruzione era troppo significativa per essere assorbita e gli ecosistemi della supply chain non erano stati costruiti per essere flessibili.
Inoltre, la strategia JIT è stata implementata in un periodo di relativa stabilità globale che non possiamo più dare per scontata.
È diventato evidente che in futuro le catene di fornitura globali dovranno trasformarsi da flussi lineari rigidi a reti agili e flessibili.
Solo così potranno assorbire le minacce di pandemie, instabilità politica, eventi meteorologici estremi dovuti al cambiamento climatico.


Come rendere le catene di approvvigionamento più resilienti



La soluzione non è smettere di costruire catene di approvvigionamento globali efficienti.
Al contrario, le aziende hanno bisogno di reti di approvvigionamento con una migliore visibilità e la capacità di cambiare rapidamente rotta quando si verifica una crisi.
La chiave per raggiungere questo obiettivo è utilizzare i dati in modo più innovativo.
Ciò significa individuare prima le interruzioni, analizzarne l'impatto e individuare fonti di approvvigionamento alternative.
Con la tecnologia e i dati giusti, questo è possibile.

Tre fattori possono aiutare le organizzazioni a costruire una catena di approvvigionamento più resiliente:

  1. Sfruttare la tecnologia per migliorare la visibilità della supply chain
    Per una catena di approvvigionamento ben gestita, che si tratti di una pandemia o meno, è fondamentale avere una visibilità completa di ciò che sta accadendo. Le aziende devono sapere il prima possibile se c'è un problema, sia esso una spedizione in ritardo, un problema di qualità o un ritardo imprevisto con la dogana. Ma, come dimostra la pandemia, la maggior parte delle aziende non ha visibilità. Il motivo è che la maggior parte delle catene di approvvigionamento è ancora transazionale e reattiva. Di conseguenza, un'impennata o un calo imprevisto della domanda richiede del tempo per propagarsi attraverso la catena di approvvigionamento a più livelli. Le aziende che hanno avuto visibilità sulle loro catene di fornitura hanno tradizionalmente conosciuto solo i loro fornitori di primo livello. Potrebbero anche non essere a conoscenza dei loro fornitori di livello superiore. Questo era il caso della maggior parte delle case automobilistiche prima dell'arrivo della pandemia. Non prestavano molta attenzione a chi riforniva i microprocessori dei loro produttori di componenti, ma la carenza globale di chip ha spinto le case automobilistiche a scoprirlo. In parole povere, la visibilità non riguarda più solo i fornitori di primo o secondo livello. Riguarda l'intera catena di fornitura. Come ha dimostrato la pandemia, le aziende devono anche comprendere le dipendenze esistenti tra i fornitori. È essenziale guardare oltre il primo livello di fornitori per evitare di essere colti di sorpresa quando il fornitore di un fornitore fallisce. La buona notizia è che la tecnologia digitale può aiutare le aziende a ottenere una visibilità end-to-end delle loro catene di fornitura. E, come previsto, la pandemia ha accelerato l'impiego di queste tecnologie da parte dei produttori. Con un moderno software digitale per le vendite e la pianificazione (S&OP), le aziende possono ottenere una comprensione più completa della loro catena di fornitura, migliorando al contempo il processo decisionale in base alle mutevoli dinamiche di mercato.


  2. Collaborazione multilivello nella catena di fornitura
    In risposta alle interruzioni della supply chain, la resilienza è diventata una priorità per le imprese. Per diventare più resilienti, le aziende devono migliorare la collaborazione con i fornitori. Per risolvere i problemi nel modo più efficiente, i team della supply chain devono condividere le informazioni con le parti interessate e collaborare con le persone giuste al momento giusto. A tal fine, devono disporre degli strumenti e dei flussi di lavoro giusti per rendere la collaborazione fluida in tutte le parti della catena di fornitura. Inoltre, i team devono poter accedere in tempo reale agli stessi dati e agli stessi processi collaborativi. In questo modo, le unità possono identificare più rapidamente i problemi e risolverli in modo efficiente. Lo sviluppo di tecnologie adeguate è stato un passo importante, ma la tecnologia da sola non è sufficiente a consentire una collaborazione profonda tra i partecipanti alla catena di fornitura. Al contrario, la collaborazione parte sempre dalle persone e dai processi. Nessuna tecnologia risolverà i problemi se il personale non è in grado di utilizzarla o se i processi non funzionano. Tuttavia, con le persone, le competenze e i processi giusti, la tecnologia consente alle persone di svolgere meglio il proprio lavoro, permettendo alle aziende di sopravvivere e avere più successo rispetto a prima.


  3. Mettere al lavoro dati di qualità
    È improbabile che l'attuale pandemia sia l'ultimo shock per l'economia mondiale. Che si tratti di una malattia, di un conflitto politico o di una catastrofe naturale, è possibile che in futuro si verifichino altri eventi dirompenti. Di conseguenza, le aziende devono utilizzare i propri dati per prepararsi al meglio alla prossima interruzione. Se un'organizzazione affronta le perturbazioni con dati limitati, imprecisi o mal segmentati, sarà difficile anticipare la situazione. In mezzo alle perturbazioni, è facile capire i vantaggi di sfruttare dati più puliti e accurati nel processo di pianificazione della supply chain. Più precisi sono i dati integrati nel processo di pianificazione, più accurate sono le previsioni. E quando un'organizzazione sfrutta grandi quantità di dati diversi, non può affidarsi a fogli di calcolo o a sistemi legacy. Questi sistemi non sono adatti alle complessità delle aziende moderne, soprattutto in caso di interruzione della supply chain su larga scala. Il vantaggio delle moderne soluzioni S&OP è l'attenzione alla pianificazione algoritmica della supply chain con l'automazione del processo decisionale. I sistemi di previsione automatizzati consentono ai pianificatori di creare uno scenario "what-if" di varie interruzioni sulla base dei dati storici. Ciò consente ai pianificatori di reagire rapidamente se i dati mostrano una tendenza verso uno scenario specifico. Disporre di dati in tempo reale sull'intera catena di fornitura può aiutare le organizzazioni a identificare meglio le intersezioni tra domanda e offerta, a garantire i prodotti in modo più efficace e sostenibile e a individuare in tempo reale i potenziali rischi per i fornitori. Utilizzando una piattaforma di analisi della catena di fornitura affidabile, le organizzazioni possono identificare le aree di vulnerabilità dei prodotti e introdurre misure di salvaguardia, indipendentemente dal fatto che si trovino ad affrontare piccole interruzioni o pandemie.


Conclusione: il momento di prepararsi al futuro è ora



Esistono modi per rendere le catene di approvvigionamento più resilienti, efficaci e agili con l'aiuto della tecnologia, della collaborazione e dei dati.
Il risultato è un maggior valore per i clienti, i fornitori e l'azienda.
Le tecnologie della supply chain che migliorano la visibilità, la collaborazione, l'agilità e la resilienza emergono in tutta la supply chain end-to-end.
Inoltre, l'utilizzo di tecnologie avanzate come l'Internet Of Things (IoT) e l'Intelligenza Artificiale (AI) aiuta le aziende a prevedere e gestire meglio gli imprevisti.

Nel valutare le vostre esigenze tecnologiche, dovete considerare la crescita a breve e a lungo termine, in modo da poter scegliere una tecnologia che cresca con voi.
A volte la crescita avviene in aree inaspettate e l'azienda può avventurarsi in nuovi segmenti, prodotti e servizi.
Valutando i cambiamenti della vostra attività e la tecnologia che li supporta, potrete decidere dove investire nella crescita tecnologica e dove tagliare.

Altri articoli per Non si può non sapere

Non si può non sapere

Ultimi articoli per Supply Chain

Non si può non sapere

Cos'è il Cloud ERP e come funziona?

22 novembre 2022

Video

Vedi tutti
Dalle Aziende

Modula Farm, la coltivazione verticale e sostenibile senza vincoli di stagioni, distanza e clima

10 novembre 2022
Eventi e Workshop
Convegno Logisticamente On Food - Cibus Tec Forum - 25 ottobre 2022
28 ottobre 2022
Dalle Aziende
Put to Light e Modula: come Fratelli Ceni ottimizza la preparazione degli ordini in magazzino
14 marzo 2022

Newsletter

Iscriviti alle nostre newsletter!

Ricevi gratuitamente informazioni e aggiornamenti in materia di logistica, trasporti, magazzino.

Seguici su LinkedIn

Logisticamente.it