Logistica sostenibile

Bilancio di Sostenibilità 2021 di Amazon: cresciute del 18% le emissioni di carbonio

22 agosto 2022
Le emissioni di carbonio di Amazon sono aumentate del 18% per due anni consecutivi, ma l'azienda afferma che sarà comunque a zero emissioni di carbonio entro il 2040.
Il gigante del cloud e della vendita al dettaglio ha aumentato la quantità di elettricità utilizzata da fonti rinnovabili nel 2021, secondo il rapporto sulla sostenibilità dello scorso anno.
Tuttavia, le emissioni dirette delle operazioni di Amazon sono aumentate del 26% a causa della massiccia espansione del suo business.

Anche le emissioni "Scope 3" della supply chain di Amazon, notoriamente difficili da controllare, sono aumentate del 21%, per un incremento totale del 18%.
Nel 2020, le emissioni dell'azienda sono aumentate del 19%, secondo il suo primo rapporto sulla sostenibilità pubblicato lo scorso anno.
Ma l'azienda continua a sostenere che "raggiungerà emissioni nette di carbonio pari a zero in tutte le nostre attività entro il 2040".


È possibile crescere e ridurre le emissioni?



"Siamo orgogliosi dei progressi compiuti, ma riconosciamo che c'è ancora molto da fare", ha dichiarato Kara Hurst, vicepresidente di Amazon per la sostenibilità, in apertura di un rapporto che mostra come il tasso di decarbonizzazione di Amazon non stia tenendo il passo con la sua crescita.
"Mentre lavoriamo per decarbonizzare la nostra azienda, Amazon sta crescendo rapidamente", si legge nella sezione Ambiente del rapporto di 100 pagine.
Nel 2021 l'azienda ha aumentato il fatturato del 37% e ha raddoppiato le dimensioni della sua rete di distribuzione, il che ha comportato la necessità di aumentare la sua presenza fisica.
"Abbiamo dovuto costruire nuove strutture - sia per le nostre attività consumer che per quelle cloud - ed espandere la nostra rete di trasporti".

Amazon ha dichiarato di essersi impegnata per fare tutto ciò nel modo più efficiente possibile, utilizzando veicoli elettrici e acquistando più energia eolica e solare, in modo che il suo utilizzo di energia sia migliore in termini di rapporto, ma non in termini assoluti.
"Con tutta la nostra crescita nel 2021, le nostre emissioni assolute di carbonio sono aumentate del 18% nel 2021; tuttavia, cosa importante, la nostra intensità di carbonio è diminuita dell'1,9%".
Ciò significa che Amazon sta producendo meno emissioni di carbonio per ogni dollaro di fatturato (vendita lorda di merce o GMS), ma ciò è annullato dalla quantità di crescita in termini reali.
"Quando le aziende investono in nuovi prodotti e servizi e le loro attività crescono in modo sostanziale, l'attenzione non dovrebbe essere rivolta solo all'impronta di carbonio dell'azienda in termini di emissioni assolute di carbonio, ma anche alla riduzione dell'intensità di carbonio.
Nel tempo, una continua diminuzione dell'intensità di carbonio può portare a una riduzione delle emissioni assolute".

I dati riportati nell'appendice del rapporto mostrano che l'impronta di carbonio dell'azienda è aumentata su tutti i parametri, tranne che per le emissioni associate all'uso diretto di elettricità, che sono state ridotte grazie all'uso aggressivo di contratti di acquisto di energia.
"Mentre siamo riusciti a ridurre le emissioni di alcune operazioni, siamo ancora all'inizio del processo di trasformazione di altre", si legge nel rapporto.
Alcune azioni e investimenti consentono di risparmiare immediatamente sulle emissioni di carbonio, mentre per altri ci vorranno anni per dimostrare i risultati".
Il percorso verso l'azzeramento delle emissioni di carbonio presenta molti ostacoli, ma noi prosperiamo nelle grandi sfide".
Amazon ha raggiunto l'85% di energia rinnovabile nell'elettricità che utilizza direttamente e prevede di arrivare al 100% entro il 2025, anche se va notato che l'azienda utilizza PPA "pay as produced" invece di PPA orari.
Ciò significa che gran parte dell'elettricità rinnovabile che paga viene consumata da altri clienti, perché non corrisponde alle curve di domanda di Amazon.

Amazon afferma che intende anche costruire edifici più sostenibili e decarbonizzare la sua supply chain, ma non fornisce date o parametri per questi obiettivi.
Nel 2019 ha emesso un impegno per il clima, ma in passato ha sanzionato il personale che criticava i suoi progressi ambientali.
Una delle critiche maggiori è che la promessa di Amazon di essere a zero emissioni "in tutte le sue operazioni" comprende solo i prodotti a marchio Amazon, non quelli che rivende da altri produttori. Altre aziende come Microsoft, con una definizione più ampia delle loro emissioni Scope 3, hanno riscontrato un'impronta significativamente più alta.
Le iniziative elencate nel rapporto includono l'acquisto di una flotta di 100.000 veicoli elettrici per le consegne da Rivian Automotive negli Stati Uniti, che dovrebbero essere distribuiti entro il 2030, e l'investimento in diverse tecnologie rinnovabili.

Per saperne di più leggi qui il “Bilancio di Sostenibilità 2021” di Amazon

Vuoi conoscere in anteprima le notizie pubblicate su Logisticamente.it?
Ricevi la newsletter gratuita per rimanere aggiornato sulle ultime novità del mondo della logistica

Altri articoli per Logistica sostenibile

Ultimi articoli per Supply Chain

Logistica sostenibile

Logistica e sostenibilità, quale è il loro legame?

28 settembre 2022

Video

Vedi tutti
Dalle Aziende

Put to Light e Modula: come Fratelli Ceni ottimizza la preparazione degli ordini in magazzino

14 marzo 2022
Dalle Aziende
System Logistics - Veicoli a guida autonoma SHARK
23 febbraio 2022
Dalle Aziende
System Logistics - Thinking Picking Out of the Box
02 febbraio 2022

Newsletter

Iscriviti alle nostre newsletter!

Ricevi gratuitamente informazioni e aggiornamenti in materia di logistica, trasporti, magazzino.

Aziende

Vedi tutte

Ti presentiamo alcuni tra i migliori fornitori di servizi logistici

Seguici su LinkedIn

Logisticamente.it