Sempre più realtà stanno rispondendo ai ritardi della supply chain con il reshoring, il “rimpatrio” dei fornitori dall’Estremo Oriente a territori più vicini alle imprese. Scopri di più




Trasporti Nazionali e Internazionali

Supply chain, come stanno rispondendo le aziende ai ritardi dei traporti globali?

22 Giugno 2022

La supply chain a livello globale ha fortemente risentito degli effetti sia della pandemia sia della guerra in Ucraina.
Se fino a qualche tempo fa esisteva ancora una minima speranza di normalizzazione in seguito al superamento della fase più complessa della pandemia, ad oggi con i porti cinesi ancora bloccati, la mancanza di container e il rincaro dei noli marittimi sempre più imprese si stanno orientando verso il cosiddetto reshoring, il “rimpatrio” fornitori dall’Estremo Oriente a territori più vicini alle loro sedi.

Cosa hanno fatto le aziende per tutelarsi?

Per tutelarsi dall’instabilità le aziende hanno deciso di accorciare la catena delle forniture facendo un maggior rincorso a fornitori italiani, sia della stessa regione dell’azienda sia di altre regioni italiane, e a fornitori europei.
Inoltre, al reshoring si è anche affiancata la scelta di diversificare le fonti di approvvigionamento di materie prime e semilavorati.

Lucio Caracciolo, direttore della rivista di geopolitica Limes, ha dichiarato: “È prematuro ipotizzare che il mondo possa evolvere verso due blocchi ben distinti.
È più probabile, e i segnali ci sono già, che emergano tendenze autarchiche, con le produzioni che vengono trasferite in patria o spostate da un Paese all’altro”.

Vuoi conoscere in anteprima le notizie pubblicate su Logisticamente.it?

Ricevi la newsletter gratuita per rimanere aggiornato sulle ultime novità del mondo della logistica





A proposito di Trasporti Nazionali e Internazionali