Outsourcing

Supply chain, sei trend che influiranno sulle catene di approvvigionamento

12 aprile 2022
La pandemia da covid-19 prima e la guerra tra Ucraina e Russia ora, stanno mettendo a dura prova le supply chain globali: dall'approvvigionamento delle materie prime al cliente finale.
Se da un lato queste situazioni hanno fatto emergere la resilienza commerciale, operativa e finanziaria delle imprese, dall’altro stanno facendo emergere le lacune organizzative di molte realtà.

La carenza di autisti, i problemi di capacità dei fornitori di servizi logistici, l'inflazione, i ritardi di spedizione, l'aumento dei costi di trasporto, i livelli di inventario esauriti, la carenza di manodopera e la gestione dei picchi di domanda stanno portando tutte le imprese a ricercare soluzioni a queste problematiche.

Per aggirare i blocchi della supply chain il 67% dei CEO ha affermato, come rilevato da un’analisi effettuata da KPMG, che aumenteranno gli investimenti nel rilevamento delle interruzioni e nei processi di innovazione.
Si tratta di investimenti pensati per supportare le aziende nella creazione di “resilienza” nelle loro catene di approvvigionamento.


Le sei principali sfide e strategie create dalle grandi organizzazioni per aumentare resilienza e agilità 


  1. Interruzione logistica
    Le numerose interruzioni logistiche globali continuano ad avere un impatto sulle imprese e sui consumatori poiché il flusso di beni di consumo verso mercati chiave come il Nord America e l'Europa, il Sud-est asiatico e l'India è limitato dalle continue chiusure dei principali porti globali e aeroporti, soprattutto in Cina, Corea del Sud e Stati Uniti. I leader del governo e del settore stanno cercando di definire strategie che creino resilienza e aumentino le capacità nazionali, diventando così meno dipendenti dalle catene di approvvigionamento regionali e globali. Per aggirare queste interruzioni le imprese dovrebbero cercare di progettare flussi alternativi della supply chain, capacità di stoccaggio dell'inventario più vicine ai clienti e ottimizzare le consegne dell'ultimo miglio e le merci restituite.

  2. Ritardi di produzione
    I produttori sono in competizione per una fornitura limitata di materie prime chiave e capacità logistica. L'industria sta valutando e investendo nelle proprie strategie di filiera a lungo termine. Attraverso la consapevolezza e la necessità di mantenere un vantaggio competitivo, l'industria è spinta ad affrontare molti problemi di fornitura di lunga data, riprogettare le specifiche dei prodotti, portando a catene di approvvigionamento ad essere più resilienti ed economiche.

  3. Diversificare i fornitori
    Nonostante il rischio intrinseco associato alla focalizzazione su "un importante partner commerciale", molte aziende hanno forti relazioni con un grande fornitore, un grande cliente (o mercato di esportazione) e/o un importante partner della supply chain. Diverse aziende riconoscono la necessità di attrezzare meglio le proprie supply chain identificando partnership commerciali alternative, cercando attivamente un elenco più ampio di fornitori, mercati/clienti alternativi e fornitori di servizi logistici e di trasporto alternativi. Le imprese possono creare maggiore agilità e resilienza nelle loro catene di approvvigionamento collaborando con fornitori che forniscono nuove funzionalità come servizio.

  4. Raddoppiare l'investimento tecnologico
    Nel 2022 dovranno aumentare gli investimenti in tecnologia poiché le aziende avranno la necessità di migliorare le capacità di pianificazione delle catene di approvvigionamento critiche adottando strumenti in grado di supportare l’organizzazione grazie all'analisi predittiva basata sull'intelligenza artificiale, nonché aggiungendo maggiore integrità e visibilità alle supply chain utilizzando tecnologie avanzate di tracciabilità e blockchain. Le organizzazioni leader già stanno utilizzando tecnologie avanzate per migliorare significativamente la visibilità delle catene di approvvigionamento e quindi diventare molto più reattive alle principali interruzioni e variabilità all'interno delle loro supply chain nazionali, regionali e globali.

  5. Comprendere il giusto prezzo di acquisto delle merci
    Oggi ci si aspetta che i professionisti della supply chain e dell'approvvigionamento abbiano una conoscenza maggiore delle categorie piuttosto che essere solo negoziatori. Una comprensione più approfondita delle materie prime aiuta a sfruttare le leve necessarie a comprendere il giusto prezzo di acquisto. In molte organizzazioni, le decisioni di acquisto delle materie prime si basano più sull'esperienza che su un meccanismo strutturato. I tempi di acquisto e la quantità diventano cruciali mentre si prendono queste decisioni. Per ovviare a questo problema, i team si stanno concentrando sulla trasformazione digitale e sulla tecnologia: il flusso continuo di informazioni attraverso la catena del valore e le informazioni dettagliate consente un processo decisionale più rapido. Spesso il consolidamento della spesa funge da precursore del consolidamento dei fornitori e della segmentazione ESG e aiuta a ridurre la variazione di qualità e prezzo per lo stesso tipo di prodotto/servizio in tutte le aree geografiche.

  6. Puntare sulle competenze e sui giovani
    L'avvento della tecnologia ha cambiato radicalmente il modo in cui operano le catene di approvvigionamento a livello globale. Le operazioni moderne si concentrano su tecnologia e innovazioni e, di conseguenza, le catene di approvvigionamento stanno diventando più complesse. La tecnologia ha bisogno di lavoratori dotati delle giuste competenze e capacità. Pertanto, la catena di approvvigionamento e le operazioni di produzione necessitano di una combinazione di competenze fisiche e tecnologiche per sostenere e crescere nel presente e in futuro. Le organizzazioni dovrebbero ripensare il loro approccio nel reclutare e coinvolgere la Generazione Z, che diventerà sempre più parte della forza lavoro attiva nel prossimo futuro. Le motivazioni e le aspirazioni delle nuove generazioni dovrebbero essere considerate per mantenere la coorte di lavoratori più giovane ispirata a uno scopo.
Coltivare una supply chain resiliente significa che l'organizzazione può essere più efficace nell'anticipare, reagire e pianificare gli imprevisti consentendo l'integrazione interfunzionale e la collaborazione con il proprio ecosistema di fornitori.

Altri articoli per Outsourcing

Ultimi articoli per Supply Chain

Non si può non sapere

Cos’è il trasporto groupage e quali sono i vantaggi?

29 aprile 2022

Video

Vedi tutti
Dalle Aziende

L'offerta di OneWedge

04 aprile 2022
Interviste
4PL: l'entità che gestisce la logistica - Global Summit
12 gennaio 2018
Interviste
La tecnologia creativa - Global Summit
01 dicembre 2017

Newsletter

Iscriviti alle nostre newsletter!

Ricevi gratuitamente informazioni e aggiornamenti in materia di logistica, trasporti, magazzino.

Aziende

Vedi tutte

Ti presentiamo alcuni tra i migliori fornitori di servizi logistici

Seguici su LinkedIn

Logisticamente.it