Sistemi di magazzino

La Logistica 4.0 prende velocità: smart sensor per i veicoli a guida autonoma

10 febbraio 2022
Con l’arrivo della prima tranche del Recovery Fund, il PNRR dà lo sprint alla Transizione 4.0, mettendo a disposizione fondi che consentono a ogni azienda, pubblica o privata, di modernizzare e ottimizzare la propria supply chain in chiave digitale di Logistica 4.0. L’occasione è da cogliere al volo.

In continuità con il PNRR, la Legge di Bilancio 2022 prevede poi la proroga fino al 2025 del credito d’imposta per investimenti in beni strumentali previsti dal Piano Nazionale Transizione 4.0. Complessivamente, il PNRR stanzia 13,38 miliardi da impiegare per progetti strategici di digitalizzazione delle imprese e di certo la logistica ne assorbirà una buona fetta.

L’interesse per le soluzioni di Logistica 4.0 sta crescendo in tutto il mondo. L’Italia non fa eccezione. Lo afferma l'Osservatorio Contract Logistics “Gino Marchet” della School of Management del Politecnico di Milano, presentato lo scorso novembre, che ha messo in evidenza un dato interessante: in media ogni operatore logistico sta sviluppando 4,5 progetti in questo ambito, di cui il 65% riguarda attività di magazzino e il 35% il trasporto.

Case study e analisi di mercato convergono sulla Connected Logistics


Anche se il rapporto annuale del Politecnico di Milano si riferisce agli operatori logistici e non al comparto industriale nel suo complesso, è indicativo di una direzione ben precisa: laddove le attività di magazzino siano frenetiche come quelle del settore CEP (Courier, Express and Parcel), l’implementazione di tecnologie di digitalizzazione, automazione, guida autonoma e robotica portano benefici enormi, in termini economici, organizzativi e di tempo.

Protagonista del boom dell’e-commerce, difatti, il settore CEP si è ritrovato al centro del cambiamento delle abitudini d’acquisto dei consumatori, e proprio nella tecnologia avanzata il booster di cui aveva bisogno per incrementare la produttività nell’unità di tempo, aumentando al contempo sicurezza e sostenibilità.

Dei 275 progetti di Logistica 4.0 analizzati dall’Osservatorio, il 65% riguarda l’implementazione di soluzioni digitali in magazzino. Le strategie delle aziende analizzate si concentrano in particolare sull’automazione di processo (54%), spesso disegnata tenendo conto della compatibilità con i sistemi esistenti. Anche il forecast 2021 - 2026 di Research and Markets mette in evidenza il forte interesse degli operatori nei confronti delle soluzioni di Logistica 4.0. Secondo lo studio, la logistica connessa aiuta e aiuterà sempre di più le aziende a gestire le attività in maniera trasparente e customer-centric. In particolare, prevede un tasso di crescita annuale totale (CAGR, Compound Annual Growth Rate) del mercato del 17,5%.

Ottimizzare gli investimenti partendo dagli AGV


Ora che il finanziamento non è più un problema insormontabile, è tempo di progettare e allocare le risorse. Il processo di Trasformazione Digitale 4.0 in magazzino può avvenire a step, iniziando, ad esempio, dai sistemi di movimentazione delle merci su veicoli a guida autonoma, anche conosciuti come AMR (Autonomous Mobile Robots).
Gli AMR rappresentano un’alternativa funzionale e flessibile all’automazione classica, cioè ai sistemi di convogliamento tradizionali che richiedono opere, spazi ed investimenti più consistenti.

L’implementazione in azienda di queste piattaforme e/o veicoli a guida autonoma è possibile in qualsiasi contesto e non richiede la sostituzione di alcun impianto già presente in azienda.
Alla base del funzionamento di questo tipo di veicoli autonomi ci sono le tecnologie di sensoristica intelligente, che permettono la rilevazione, la trasmissione e la gestione dei dati.
I cosiddetti smart sensor aiutano a monitorare l’ambiente, assicurando quindi la trasparenza completa (e in real time) di merci e processi. Inoltre, è grazie all’attività degli smart sensor che i flussi di materiali e l’intralogistica sono integrati in modo fluido e costante.

Tre tipologie di smart sensor per gli AMR


Per capire meglio quali sono le alternative ora disponibili sul mercato, guardiamo ad esempio al catalogo di SICK, società leader nella produzione di smart sensor.
Tra i sensori smart necessari all’utilizzo di un AMR, identifichiamo tre categorie:

  1. Smart sensor per la sicurezza. Le piattaforme mobili devono essere in grado di riconoscere e percepire ostacoli e persone per evitare le collisioni. Gli AMR, quindi, fanno un vasto uso di sensoristica intelligente e sensori 2D e 3D utili a prevenire tali collisioni o percepire in maniera corretta i carichi (presenza, distanze). Tra le soluzioni SICK, una delle più avanzate è 3D Machine Vision Visionary-T Mini. Quando nello stesso ambiente di lavoro transitano persone e AMR, è poi opportuno utilizzare sistemi atti a garantire la sicurezza di persone ed impianti, come i laser scanner.

  2. Smart sensor per la localizzazione. Gli AMR devono essere dotati di sensori capaci di rilevare la posizione assoluta all’interno dell’ambiente, sensori e soluzioni che monitorano e controllano i movimenti delle piattaforme mobili, sensori capaci di riconoscere e seguire un tracciato applicato sul pavimento.

  3. Smart sensor per la movimentazione dei carichi. Questa tipologia di sensori consente agli AMR il rilevamento del carico, l’identificazione, il tracciamento e il posizionamento del carico. Le soluzioni spaziano da semplici sensori di misura a sensori 2D LiDAR.
In conclusione: grazie allo sviluppo di smart sensor e all’integrazione in sistemi di localizzazione, sicurezza e movimentazione dei carichi, oggi qualsiasi azienda può dotarsi di AMR e godere dei vantaggi di un magazzino automatico a costi sostenibili, tanto più grazie ai fondi in arrivo del PNRR e del Piano Transizione 4.0.

Scopri di più sugli smart sensor visitando il sito web di SICK

Altri articoli per Sistemi di magazzino

Ultimi articoli per Magazzino

Unità di carico

Quali sono le cause della carenza di pallet?

08 agosto 2022
Unità di carico

Progetto iPAL: nascono i pallets intelligenti

21 luglio 2022
Hardware e Software per il magazzino

Cos'è la logistica e-commerce?

05 luglio 2022

Video

Vedi tutti
Dalle Aziende

Put to Light e Modula: come Fratelli Ceni ottimizza la preparazione degli ordini in magazzino

14 marzo 2022
Dalle Aziende
Maggiore sicurezza in magazzino con il sistema di avviso del traffico Safe-T-Signal di Rite-Hite
13 dicembre 2021
Dalle Aziende
TGW - Living Logistics
27 settembre 2021

Newsletter

Iscriviti alle nostre newsletter!

Ricevi gratuitamente informazioni e aggiornamenti in materia di logistica, trasporti, magazzino.

Aziende

Vedi tutte

Ti presentiamo alcuni tra i migliori fornitori di servizi logistici

Seguici su LinkedIn

Logisticamente.it