Trend

Una ricerca sulla Transizione logistica in Italia

16 marzo 2021
Logisticamente ha di recente avviato un interessante progetto di ricerca sulla transizione logistica in Italia.
Ilenia Vannutelli di Logisticamente.it ha intervistato Stefano Bianchi, coordinatore tecnico del progetto, per conoscere come è nata l'idea di una ricerca e come Logisticamente ed AB Coplan intendono svilupparla.

Cosa ci puoi dire sulla Ricerca?


Per cominciare direi che è la classica idea che fai fatica a capire a chi sia venuta prima. Non saprei dire se è venuta a Logisticamente e noi l’abbiamo fatta nostra o viceversa.
Intanto direi che la ricerca nasce in un momento particolare, nel quale la logistica ha subito forti scossoni.
Da un anno a questa parte abbiamo visto di tutto, e questo tutto alla fine ha avuto un impatto logistico fortissimo, direi senza eguali nella storia.
Una delle parole chiave è senza dubbio diventata “flessibilità”, e di questo si è già parlato a lungo.
Ora siamo nella fase della concretezza: dobbiamo dare un significato pratico e tangibile alla parola “flessibilità”, che in caso contrario rischia di rimanere soltanto un mero slogan.

Cosa stanno facendo le aziende per la logistica in questo periodo?


Come sempre accade davanti alle sfide, ogni azienda reagisce con i suoi modi e i suoi tempi.
Da questa ricerca infatti vogliamo scoprire se le aziende stanno facendo a bastanza e in che modo.
Vorremmo fare una fotografia il più possibile nitida e obiettiva dello stato della transizione logistica in Italia.
Transizione significa passaggio da uno stato a un altro, nel nostro caso specifico vuol dire se siamo in grado di essere flessibili sui volumi e sul mix, se siamo capaci di velocizzare le consegne e gestire ordini anche piccoli, se riusciamo a ridurre l’incidenza dei costi logistici sul fatturato, se siamo dotati di strumenti di supporto nella presa di decisioni.

Parlavi di fotografia. Mi piace l’immagine. Con quale strumento intendete scattare questa fotografia? Si tratta di una macchina particolare?


Più che di una macchina si tratta di un metodo di lavoro che abbiamo sviluppato nel corso degli anni e che abbiamo riadattato opportunamente per questa ricerca.
In termini pratici io e Paolo Azzali, mio socio in Ab Coplan, anche lui esperto e consulente logistico, andiamo in azienda, ci incontriamo con la direzione e con chi si occupa di logistica, facciamo una serie di domande mirate sui flussi e i processi principali, poi facciamo una visita guidata ai magazzini, ai reparti produttivi, alle aree di allestimento ordini e di spedizione.
Quindi, e qui viene il bello, richiediamo una serie di dati.

Operativamente, cosa fate con questi dati?


Calcoliamo i KPI. Questi sono gli indici prestazionali che ci dicono in modo obiettivo le prestazioni dell’azienda in quello specifico ambito logistico.
Possiamo misurare il livello di servizio, l’incidenza dei costi logistici sul fatturato, la rotazione delle scorte, l’efficienza operativa, e così via.

Una specie di pagella logistica dell’azienda?


In un certo senso sì, ma in questo caso l’obiettivo è quello di fare benchmarking per capire come si posiziona la singola azienda in riferimento alla transizione logistica e rispetto alle altre aziende. Concludo dicendo che la ricerca ha diversi aspetti interessanti, noi ci crediamo molto.

Per saperne di più e partecipare alla ricerca clicca qui

Altri articoli per Trend

Ultimi articoli per Trend

Video

Vedi tutti
Eventi e Workshop

Dematic - Virtual Showcase Autostore

24 marzo 2021
Eventi e Workshop
Logisticamente Out: il workshop in 60 secondi
29 maggio 2019
Interviste
Logistica immobiliare: un mercato in fermento
15 ottobre 2018

Newsletter

Iscriviti alle nostre newsletter!

Ricevi gratuitamente informazioni e aggiornamenti in materia di logistica, trasporti, magazzino.

Aziende

Vedi tutte

Ti presentiamo alcuni tra i migliori fornitori di servizi logistici

Seguici su LinkedIn

Logisticamente.it