Trend

Logistica, pubblicato il bollettino "Connecting Dots"

09 marzo 2021
Il report "Connecting Dots” nasce dalla collaborazione tra Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti- Struttura tecnica di Missione per l’indirizzo strategico, lo sviluppo delle infrastrutture e l’Alta sorveglianza e RAM Logistica Infrastrutture e Trasporti S.p.A.

Si tratta di un rapporto che ha lo scopo di connettere e portare a fattore comune i dati esistenti al fine di fornire una panoramica integrata in grado di definire l'andamento del comparto dei trasporti e della logistica nel suo insieme.

Già dal nome “Connecting Dots”, che tradotto in italiano significa “Punti di collegamento”, si comprende lo scopo finale di questo documento.
Come ha spiegato il prof. Ennio Cascetta, Amministratore Unico di RAM Logistica Infrastrutture e Trasporti S.p.A., la mission di questo strumento è quella di creare, a livello nazionale, un database univoco e condiviso in materia di logistica e trasporti.

Il rapporto non si pone in alternativa ad altri rapporti in circolazione ma vuole fungere da punto d’incontro e di analisi di tutti i dati raccolti a livello nazionale così da consegnare alle aziende uno strumento che possa supportarle nella pianificazione degli investimenti.
"Connecting Dots” è un rapporto trimestrale su logistica e trasporti che si rivolge soprattutto a decisori politici, tecnici ed esperti, stakeholder del settore.

Questo strumento è suddiviso al suo interno in tre macro-sezioni:
  • la prima sezione riguarda gli andamenti macroeconomici e le previsioni future;
  • la seconda sezione analizza l’andamento del traffico merci e passeggeri;
  • la terza parte si occupa dell'analisi di atti e studi di interesse nel comparto dei trasporti, della logistica e delle loro interazioni.

I dati raccolti nel primo rapporto "Connecting Dots"


Il primo numero del rapporto "Connecting Dots" è dedicato all’analisi dell’andamento del settore nel decennio 2009-2019.
Un’analisi che si dimostra ancora più importante alla luce della profonda crisi che sta colpendo tutto il mondo in seguito alla pandemia dovuta al virus covid-19.

Nel primo report emerge un’evidente discrepanza tra la crescita del PIL in Italia e la crescita nel resto d’Europa.
In Italia la crescita è stata modesta, solo +2,4%, una cifra davvero piccola se paragonata con la Germania che ha raggiunto +21,4%.
Nonostante la crescita del PIL non sia stata elevata negli scorsi anni il report ha evidenziato una crescita del traffico merci, aumento che è dovuto soprattutto alla maggiore internalizzazione dell’economia italiana.

Nel documento si legge come nel decennio 2009-2019 la domanda estera di beni e servizi italiani sia cresciuta del 43,5%.
Tutto questo si è tradotto in un allungamento delle catene logistiche internazionali, trainata soprattutto dal settore aereo cargo che è cresciuto del 50,6%, seguito rotte via mare Ro-Ro (+37,6%), e dal traffico container e ferroviario (+20,1%).

L’andamento del traffico merci in Italia nel periodo 2009-2019


La prima evidenza messa in luce dal report è che nel decennio 2009-2019 il traffico merci ha avuto un andamento nettamente positivo con una crescita maggiore rispetto alla crescita del PIL.
Questo è stato possibile grazie alla maggiore elasticità del settore che ha permesso di reagire in maniera rapida ed efficace alle richieste di mercato.
Al di la di della maggiore duttilità del settore la crescita del comparto la si deve anche a tre fattori che insieme hanno contribuito alla tenuta e crescita della logistica Made in Italy.

Questi fattori che hanno permesso la tenuta del settore sono:
  • al primo posto l’incremento del livello di internazionalizzazione dell’economia italiana che ha avuto un effetto diretto sull’andamento del cargo aereo e dei trasporti marittimi più integrati nelle catene logistiche internazionali ed in misura minore sul traffico ferroviario;
  • al secondo posto l’allungamento delle catene logistiche internazionali gestite da grandi operatori conto terzi, solo parzialmente bilanciate dal fenomeno del reshoring;
  • al terzo posto i nuovi modelli di logistica distributiva conseguenti, effetto diretto della crescita dell’e-commerce in Italia e l’alta penetrazione di operatori esteri sul territorio nazionale, soprattutto nell’autotrasporto, il che si è tradotto in un incremento dei veicoli e delle tonnellate-km percorse su strada.


Gli effetti del lockdown sulla logistica distributiva


Il documento si sofferma anche sui nuovi modelli di logistica distributiva che nel settore dell’autotrasporto sono stati sperimentati soprattutto nel periodo di lockdown.
Nei primi sei mesi del 2020 il report ha evidenziato una generale tenuta dei volumi di traffico del comparto merci, tenuta che ha permesso sia alle unità produttive sia ai consumatori finali di avere un buon livello di approvvigionamenti nei tre mesi di lockdown.

Nel rapporto viene fatta anche un’analisi sugli effetti della prima fase dello scoppio della crisi pandemica SARS-CoV-2, periodo in cui il PIL italiano è calato del 12% rispetto al primo semestre del 2019, analisi che ha mostrato che una ripresa ci sarà solo alla fine del 2021, crescita che comunque non bilancerà il calo avvenuto nel 2020.

Altri articoli per Trend

Ultimi articoli per Trend

Video

Vedi tutti
Eventi e Workshop

Dematic - Virtual Showcase Autostore

24 marzo 2021
Eventi e Workshop
Logisticamente Out: il workshop in 60 secondi
29 maggio 2019
Interviste
Logistica immobiliare: un mercato in fermento
15 ottobre 2018

Newsletter

Iscriviti alle nostre newsletter!

Ricevi gratuitamente informazioni e aggiornamenti in materia di logistica, trasporti, magazzino.

Aziende

Vedi tutte

Ti presentiamo alcuni tra i migliori fornitori di servizi logistici

Seguici su LinkedIn

Logisticamente.it