Etichetta RFID
Packaging

Logistica RFID: in arrivo l’etichetta smart per il monitoraggio della temperatura dei prodotti

30 marzo 2020
Le tecnologie in ambito packaging si stanno sempre più evolvendo in direzione dell’ecosostenibilità e degli utilizzi di materiali naturali.

Risale a poco tempo fa la notizia che il centro ENEA (Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile) di Brindisi ha scoperto nuove bioplastiche da utilizzare per il packaging alimentare.

Materiali naturali in grado non solo di proteggere il cibo ma anche di preservarne la freschezza e la durata senza l’utilizzo di sostanze chimiche.

A quella scoperta si aggiunge quella del Centro Ricerche ENEA di Portici che ha sviluppato un’etichetta in grado di monitorare lo stato di conservazione dei prodotti.

Questa nuova etichetta mostra la sua utilità soprattutto nel trasporto di beni deperibili come alimenti e medicinali. Questo nuovo sistema è in grado di rilevare dei picchi termici indesiderati così da mostrare in maniera chiara se la merce trasportata è ancora in buone condizioni o meno.

L’etichetta funziona come una sorta di termometro ipertecnologico, è in grado di memorizzare le informazioni relative ai picchi termici e non necessita di sensori o di batteria, essedo un dispositivo a tag passivo.

Il dispositivo, che si basa su una tecnologia RFID ad alta frequenza (Radio-Frequency Identification), non solo è in grado di segnalare il superamento delle soglie termiche impostate ma non interferisce in nessun modo con il passaggio di informazioni tra le etichette e i lettori convenzionali.

Il brevetto è stato depositato e dato il basso costo di produzione potrebbe essere impiegato su larga scala. Questo tipo di tecnologia si presta soprattutto a monitorare i movimenti delle merci nella supply chain logistica del freddo. Un settore in cui anche la più piccola variazione di temperatura può compromettere lo stato del carico.

Anche se la tecnologia della nuova etichetta è pronta bisogna ancora inserire nelle etichette RFID dei sensori in grado di verificare se l’alterazione dei prodotti sia volontaria o dipenda da cause esterne, come spiega Riccardo Miscioscia, ricercatore del Laboratorio di Nanomateriali e Dispositivi.

Altri articoli per Packaging

Ultimi articoli per Magazzino

Hardware e Software per il magazzino

OPT SLOTTING: quando il posizionamento degli articoli fa la differenza

14 ottobre 2020
Hardware e Software per il magazzino

La rotazione del magazzino? Diamoci un obiettivo per ridurre i costi!

05 ottobre 2020
Sistemi di magazzino

Shark: un solo veicolo, tante applicazioni

01 ottobre 2020
Sistemi di magazzino

Il picking, il cuore del magazzino

28 settembre 2020

Video

Vedi tutti
Dalle Aziende

Shark: un solo veicolo, tante applicazioni

28 settembre 2020
Interviste
Logistica immobiliare: un mercato in fermento
15 ottobre 2018
Eventi e Workshop
"Alla ricerca della flessibilità" - webinar 07/07/2020
14 luglio 2020

Newsletter

Iscriviti alle nostre newsletter!

Ricevi gratuitamente informazioni e aggiornamenti in materia di logistica, trasporti, magazzino.

Seguici su LinkedIn

Logisticamente.it