Iter Segnaletica
Unità di carico

Messa a norma e piena sicurezza delle aree di lavoro con la segnaletica di Iter

05 febbraio 2020
La sicurezza delle aree lavoro oggi è un tema molto importante. Ognuno di noi è informato ed è a conoscenza delle regole ma quello che talvolta è ancora latente è l’applicazione delle stesse.

Pertanto la messa a norma delle aree di lavoro attraverso la segnaletica è un elemento indispensabile.

Per far fronte ai problemi e ai rischi che si possono verificare in determinate aree di lavoro, Iter Segnaletica – azienda leder nel settore della segnaletica verticale e orizzontale, della costruzione di barriere di protezione e prodotti complementari – dimostra attraverso una specifica case history, come risolvere e diminuire i rischi di incidenti.

A spiegare nel dettaglio il caso studio è Emilio Merlo, Direttore tecnico in Iter Segnaletica.

Settore Petrolchimico: segnaletica orizzontale di stoccaggio pallet


Problemi riscontrati


La necessità del cliente era quella di aumentare il numero di pallet stoccati e organizzare la loro identificazione per velocizzare il carico e lo scarico dell’area, oltre che ridurre il margine di errore.

Soluzioni proposte e attività svolte

Abbiamo predisposto un layout delle aree e soprattutto delle regole di circolazione dei carrelli elevatori, basandoci sulla codifica ricevuta dalla committenza; abbiamo ruotato le corsie di circolazione rispetto alle baie di carico e allargato le stesse per facilitare le operazione di presa e scarico bancali.

Dopo una lunga attività di progetto e vari incontri, la committenza ha condiviso la nostra documentazione all’interno della propria organizzazione e validato il layout definitivo e il costo dell’intervento.

A seguire, ci siamo occupati dell’organizzazione dei lavori e di tutte le interferenze che si potevano creare con la normale produzione durante il nostro tracciamento.

Il tutto doveva eseguirsi nell’arco di 48 ore e questo ha condizionato la scelta dei materiali e l’organizzazione delle squadre.

Per accelerare l’esecuzione abbiamo predisposto 400 maschere per tracciare velocemente i codici di identificazione delle aree, portando in cantiere tutte le nostre maestranze e attrezzature.

Risultati raggiunti

Il primo obiettivo era il rispetto delle tempistiche concordate con la committenza nell’esecuzione dei lavori.

A seguire, sia il numero di pallet stoccati che la circolazione dei carrelli ha portato ad un’efficienza del magazzino superiore con una semplice ridefinizione degli spazi a disposizione, infatti ruotando l’area di stoccaggio abbiamo ridotto la distanza che i carrelli dovevano percorrere, con conseguente risparmio di tempo.

Il lavoro è stato consegnato come da previsione.

Per saperne di più visita il sito www.itersegnaletica.com

Altri articoli per Unità di carico

Ultimi articoli per Magazzino

Hardware e Software per il magazzino

Label ESL: cosa sono e come aiutano a ottimizzare i processi logistici

22 ottobre 2021
Hardware e Software per il magazzino

L’ottimizzazione della gestione dei giri di consegna inizia dal magazzino

15 ottobre 2021
Unità di carico

Carrello elevatore usato, come sceglierlo?

13 ottobre 2021
Unità di carico

Logistica di magazzino, il futuro è elettrico

28 settembre 2021

Video

Vedi tutti
Dalle Aziende

Modula - Picking automatizzato al 100% con il robot industrale MiR di Amer

01 ottobre 2021
Dalle Aziende
Ferretto Group - Magazzino automatico per la cooperativa agricola Texel
30 settembre 2021
Dalle Aziende
TGW - Living Logistics
27 settembre 2021

Newsletter

Iscriviti alle nostre newsletter!

Ricevi gratuitamente informazioni e aggiornamenti in materia di logistica, trasporti, magazzino.

Seguici su LinkedIn

Logisticamente.it