Consulenza e formazione

Freschezza di frutta e verdura: una garanzia dall’RFID

06 settembre 2007

Per chi opera in ambito della distribuzione alimentare, il controllo della catena del freddo è sempre stato un problema complesso.
Per questo motivo è stato concluso recentemente in Emilia Romagna un progetto pilota, il Cold Chain Pilot, che è riuscito a monitorare per la prima volta, grazie all’uso di tag e lettori, in modo continuo e automatico la temperatura di una partita di ciliege nel corso di tutta la catena logistica post-raccolta.

I dati raccolti durante il processo, durato circa due mesi, sono stati analizzati e rielaborati dall’Università degli Studi di Parma, partner dell’iniziativa insieme a Crpv (Centro ricerche produzioni vegetali), Apo Conerpo, Nordiconad e Di.Tech.

I risultati ottenuti sono molto interessanti: è stato constatato che le temperature, durante la catena del freddo, variano ma non in modo così drammatico come si pensava.
È inoltre emerso che a penalizzare la merce non è tanto la fase del trasporto quanto lo stazionamento della merce nel centro di distribuzione.

Il progetto permetterà di valutare lesoluzioni logistiche ottimali da affrontare e a guadagnarci sarà non solo la freschezza del prodotto ma anche il generale assetto organizzativo della catena del freddo.

Altri articoli per Consulenza e formazione

Ultimi articoli per Supply Chain

Video

Vedi tutti
Eventi e Workshop

"Alla ricerca della flessibilità" - webinar 07/07/2020

14 luglio 2020
Eventi e Workshop
Logisticamente Out: il workshop in 60 secondi
29 maggio 2019
Interviste
Logistica immobiliare: un mercato in fermento
15 ottobre 2018

Newsletter

Iscriviti alle nostre newsletter!

Ricevi gratuitamente informazioni e aggiornamenti in materia di logistica, trasporti, magazzino.

Seguici su LinkedIn

Logisticamente.it