“Meno autorità portuali e poltrone e più efficienza richiameranno investitori”




Trasporti Nazionali e Internazionali

Mazzoncini, AD di FS: “Investimenti su linea merci adriatica”

23 Maggio 2017

Renato Mazzoncini, amministratore delegato di Ferrovie dello Stato, fa il punto della situazione sullo stato di salute dell’azienda, sempre più in marcia verso il ruolo di player globale del settore.

Riguardo la fusione con Anas dichiara: “Stiamo per diventare più grandi: Anas diventerà una sorella di Rfi, Trenitalia, Mercitalia, Busitalia sotto la holding FS Italiane.
Le sole sinergie in servizi faranno risparmiare 40 milioni l’anno, 400 milioni a regime nei 10 anni del piano industriale”.

Mazzoncini ha poi proseguito parlando del settore del trasporto merci, con riferimento all’area adriatica.
“L’acquisizione in corso delle ferrovie greche ci permette di essere al servizio dei porti di Salonicco e del Pireo, porte per l’area Balcanica.
Poi, nell’ipotesi che la Cina metta gli occhi sul porto di Taranto, stiamo investendo sulla linea merci adriatica aumentandone la capacità con carri a standard PC80, capaci di portare in Europa merci con grandi ingombri.

Le merci per noi sono strategiche – ha proseguito l’AD di FS – , e se i cinesi verranno troveranno il Paese pronto, aiutato in questo dalla riforma della portualità varata dal ministro Delrio: meno autorità portuali e meno poltrone, uguale più efficienza”.





A proposito di Trasporti Nazionali e Internazionali