Trasporti nazionali e internazionali

Convenzione Solas pesatura container: pochi i Paesi che hanno linee guida.

24 maggio 2016
Dal 1° luglio 2016 ogni container deve avere un peso verificato prima di portarlo a bordo.
Si chiama Convenzione Solas e per rispettarla l’Italia ha già individuato come autorità preposta all’emanazione delle linee guida nazionali il Comando generale delle Capitanerie di Porto (VI reparto).

Purtroppo, però, pare che su 162 Paesi che hanno firmato la convenzione Solas sulla pesatura dei container, soltanto dieci abbiano emanato linee guida che chiariscano agli operatori come procedere.
A denunciarlo è un’associazione di speditori che riunisce alcune grandi realtà della produzione e delle spedizioni, Gt Nexus Shippers Council.

Ne fanno parte aziende come Nestlé e Adidas e corrieri come Dhl e Ups, insieme a una settantina di soggetti che complessivamente movimentano circa 7 milioni di container ogni anno.
La convenzione indica due metodi di pesatura ammessi:
  1. richiede di pesare il container dopo che è stato confezionato;
  2. comporta la pesatura di tutto il carico e del contenuto del container e la somma di questi pesi al peso della tara del container, come indicato sul fine porta del container stesso (metodo peraltro poco pratico per certi materiali come rottami di metallo, grano sfuso e altre merci alla rinfusa).
La stima del peso non è permessa.
Inoltre, chi confeziona il container non può utilizzare il peso fornito da altri.
«Data la molteplicità di vettori oceanici e di terminal portuali - affermano i membri dell’associazione - che sono coinvolti nello scambio di informazioni, il rischio di un’interruzione massiccia del flusso internazionale delle merci e del commercio globale diventa una possibilità concreta».

L’Italia è uno dei Paesi più avanzati nel recepimento della normativa Solas, ma un ingolfamento del sistema avrebbe pesanti ricadute anche sul nostro traffico.
Le linee guida italiane hanno recepito la complessità della materia, introducendo misure provvisorie che permetteranno agli operatori nel corso del prossimo anno, a partire dall’entrata in vigore il primo luglio 2016, di adeguarsi progressivamente.
Questo favorirà le esportazioni italiane, ma restano altri punti critici.


Altri articoli per Trasporti nazionali e internazionali

Aumento distribuzione merci
Trasporti nazionali e internazionali

Ultimi articoli per Trasporto

Trasporti nazionali e internazionali

Distribuzione merci in continua crescita

27 marzo 2020
Servizi e accessori per il trasporto

Trasporti: Volvo punta sulla qualità e confort per attrarre gli autisti

25 marzo 2020
Trasporti nazionali e internazionali

Trasporti: il futuro dei mezzi pesanti dovrà essere l’elettrico

20 marzo 2020
Trasporti nazionali e internazionali

Barilla punta sulla logistica intermodale per le spedizioni verso Germania

17 marzo 2020
Servizi e accessori per il trasporto

Coronavirus, le spedizioni continuano ma meglio se online

16 marzo 2020
Trasporti nazionali e internazionali

Logistica e trasporti: nuovo piano sanitario Sanilog per il 2020-2022

13 marzo 2020
Trasporti nazionali e internazionali

Coronavirus, Assotir: “L’autotrasporto non si fermi. Sì alla prudenza”

26 febbraio 2020
Trasporti nazionali e internazionali

Amazon sceglie l’elettrico eVito per la distribuzione merci a Monaco

26 febbraio 2020
Trasporti nazionali e internazionali

Logistica: Volvo Trucks avvia in California il progetto Volvo LIGHTS

25 febbraio 2020
Trasporti nazionali e internazionali

Trasporti nazionali: Conftrasporto dà il benvenuto a Federagenti

24 febbraio 2020

Video

Vedi tutti
Dalle Aziende

Rire Hite presenta il sistema di avviso del traffico SAFE T SIGNAL

02 marzo 2020
Eventi e Workshop
Logisticamente Out: il workshop in 60 secondi
29 maggio 2019
Interviste
La transpologistica - Global Summit
01 dicembre 2017

Newsletter

Iscriviti alle nostre newsletter!

Ricevi gratuitamente informazioni e aggiornamenti in materia di logistica, trasporti, magazzino.

Seguici su Twitter

@logisticamente