Logistica sostenibile

Tecnologia "A tutta birra"

18 maggio 2009
In breve
Il gruppo InBev, leader mondiale nella produzione di birra con marchi famosi come Beck's e Stella Artois, opera in più di 130 paesi e distribuisce circa 270 milioni di ettolitri di birra all'anno. Nelle diverse sedi vengono effettuate mediamente 9000 operazioni di carico al mese e la colonna dei veicoli in attesa, nelle ore di punta, arrivava fino ad impegnare la strada esterna. Per ovviare a questo problema, InBev ha adottato la piattaforma web-based TISLOT®, che consente agli spedizionieri e ai clienti abilitati di prenotare i veicoli e di riservare per il carico le finestre di tempo desiderate.

Premessa
Il gruppo InBev, leader mondiale nella produzione di birra con marchi famosi come Beck's e Stella Artois, opera in più di 130 paesi e distribuisce circa 270 milioni di ettolitri di birra all'anno.

Le fabbriche di birra appartenenti al gruppo InBev riforniscono, solo in Germania, circa 1000 commercianti all'ingrosso dai cinque stabilimenti di produzione e da diversi magazzini periferici. Nelle diverse sedi vengono effettuate mediamente 9000 operazioni di carico al mese, tra forniture e ritiri in proprio. Oltre a ciò, ci sono anche le merci in arrivo ed i ritorni dei vuoti a rendere.

Muamer Asani, responsabile del magazzinaggio per tutta la Germania, riferisce come nel principale stabilimento di Brema avveniva spesso che nelle ore di punta la colonna dei veicoli in attesa arrivasse fino ad impegnare la strada esterna. Poiché la fabbrica si trova nel cuore della città non era ipotizzabile risolvere il problema delle code ampliando l'impianto.

L'obiettivo doveva pertanto essere quello di sbrigare più velocemente le consegne nelle ore di punta e di ridurre al minimo i tempi di attesa.

Dal problema alla soluzione
Per far sì che gli spedizionieri e coloro che ritirano in proprio non siano costretti ad attendere per ore il carico, la InBev impiega il software TISLOT® per la gestione delle finestre di tempo.

«Prima dell'introduzione del sistema, i nostri clienti ricevevano l'appuntamento per il ritiro senza l'indicazione di un orario» spiega Adriano Leo, responsabile del Centro Servizi Clienti della InBev. A causa di ciò si verificavano gli intasamenti dei veicoli nelle ore di punta, mentre le capacità disponibili nelle ore iniziali e finali della giornata non venivano quasi sfruttate. E questo, nonostante i ritardi costassero denaro e mettessero a dura prova i nervi di committenti, spedizionieri e clienti.

Il sistema di gestione delle finestre di tempo TISLOT® di Transporeon è una piattaforma basata su Internet. Essa consente agli spedizionieri e ai clienti abilitati di prenotare i veicoli e di riservare per il carico le finestre di tempo desiderate.

A questo scopo, TISLOT® mette a disposizione di tutti gli utilizzatori un quadro sempre aggiornato di tutte le capacità ancora disponibili: sia chi vuole ritirare sia chi vuole consegnare può selezionare lo slot di tempo libero a lui più conveniente, evitando così l'affollamento e le conseguenti lunghe attese.


Finestre solo per ordini confermati

Alla InBev lavorano con questo sistema le imprese di spedizioni che ritirano e forniscono merci per l'azienda, come pure i commercianti di bevande che ritirano in proprio.

Leo riferisce: «I clienti che ritirano in proprio, dopo che il nostro Centro Servizi Clienti ha loro confermato la disponibilità della merce, possono prenotare in modo semplice e rapido la finestra di tempo più conveniente per la loro pianificazione dei viaggi. Un'interfaccia posta fra TISLOT® e il sistema SAP della InBev assicura che possano essere prenotate finestre di tempo solo per il ritiro di merce che è stata confermata. Con ciò viene impedito che vengano bloccate finestre di tempo "di riserva".

Gli slots prenotati vengono immediatamente documentati nel sistema SAP. I commercianti all'ingrosso di bevande che non vogliono servirsi della prenotazione via Internet, possono in alternativa farsi prenotare un appuntamento per il ritiro anche dai collaboratori del Centro Servizi Clienti di InBev».

Sgravio della necessità di usare il telefono
Mentre in precedenza, per i chiarimenti sui termini di consegna e sugli ordini, i fornitori dovevano spesso lottare col problema delle linee occupate, ora il telefono è quasi totalmente superfluo. Nel contempo, è migliorata anche la trasparenza per i clienti. Con un intuitivo sistema segnalatore a semaforo, lo stato di ogni commessa viene visualizzato in tempo reale così il cliente ha la possibilità di verificare via Internet lo stato del suo ordine e ottimizzare i viaggi.

Nessuna necessità di training
Dopo l'esecuzione del progetto pilota, il sistema di gestione delle finestre di tempo TISLOT® è stato introdotto progressivamente in tutte le sedi dell'azienda in Germania. Non si è resa necessaria alcuna modifica di hardware e neppure un lungo periodo di training per i collaboratori esterni che possono accedere al sistema via Internet tramite password.

Dallo start up del progetto a oggi, oltre 20 imprese di spedizioni e la maggior parte dei 700 clienti registrati utilizzano il sistema di gestione delle finestre di tempo. La logistica di distribuzione di tutti i punti di produzione del gruppo e di quasi tutti i magazzini viene gestita con questo sistema.

In alcuni settori, inoltre, si lavora con TISLOT® anche per la logistica dell'ingresso merci. Alla resa dei conti il risultato è stato una situazione di WINWIN per tutte le parti coinvolte. - riferisce Muamer Asani - Per gli autisti si accorciano enormemente le attese alle baie di carico, noi possiamo sfruttare in maniera più intelligente le nostre risorse e i clienti ricevono i loro ordini in minor tempo».

INBEV impega altri software TRANSPOREON
Da Aprile del 2007 la Inbev impiega anche TIFLOW®, il software di TRANSPOREON che assegna automaticamente le commesse ai trasportatori.

In base alle tariffe stabilite con i trasportatori (contratto base o tariffario), la soluzione TIFLOW® (che, come TISLOT®, fa parte di TYSYS®, la piattaforma di comunicazione Trasporeon per la logistica dei trasporti) assegna in automatico l'ordine del committente al trasportatore prescelto, tramite regole predefinite (ad es. paese, regione, tipo del veicolo, cliente, tipo di merce, ecc.). Tutto ciò avviene elettronicamente, prendendo in automatico i dati di spedizione dal sistema ERP del committente e trasferendoli al trasportatore. Asani riferisce: «Grazie alla comunicazione elettronica con i nostri trasportatori abbiamo potuto incrementare del 25% la produttività dei nostri processi di assegnazione dei trasporti».

D'ora in poi la Inbev impiegherà anche il modulo TITRAC® della Transporeon. Questo modulo permetterà alla Inbev di tracciare le consegne e di ottenere una pezza di appoggio per l'avvenuta consegna.

Altri articoli per Logistica sostenibile

Ultimi articoli per Supply Chain

Consulenza e formazione

Il nuovo masterclass di AB Coplan sulla strategia logistica

24 febbraio 2020

Video

Vedi tutti
Dalle Aziende

Rire Hite presenta il sistema di avviso del traffico SAFE T SIGNAL

02 marzo 2020
Dalle Aziende
Modula conquista l'azienda Solimè
06 dicembre 2019
Dalle Aziende
Sistema vocale Vocalize
15 novembre 2019

Newsletter

Iscriviti alle nostre newsletter!

Ricevi gratuitamente informazioni e aggiornamenti in materia di logistica, trasporti, magazzino.

Seguici su Twitter

@logisticamente