Logistica sostenibile

Assoporti a Bruxelles sulle reti Ten-T

07 luglio 2010
E' opinione diffusa fra gli operatori del trasporto, anche marittimo, che non bastano porti efficienti in Italia per competere con il network portuale del Northern Range o con i "cugini" spagnoli e francesi.

Il vantaggio competitivo si gioca sulla qualità dei servizi ed in particolare sulla qualità dei collegamenti fra porti e nodi logistici, attraverso veloci collegamenti ferroviari e stradali.

«Le infrastrutture sono essenziali per garantire il trasporto di persone e merci oltre che per la coesione territoriale dell'Unione Europea - dichiara il Presidente di Assoporti, l'Associazione dei porti italiani, Francesco Nerli.
Attraverso un efficiente sistema delle Reti Ten-T (Reti di trasporto trans-europee) si rilancia la strategia di Lisbona relativa alla competitività e all'incremento dell'occupazione in Europa.
Inoltre, le reti integrano la protezione ambientale assicurando uno sviluppo sostenibile».

Nerli ribadisce la vitale importanza della presenza italiana presso le sedi dell'Unione Europea in occasione degli incontri riguardanti gli sviluppi delle Reti TEN-T.

Proprio a Bruxelles si è tenuto nei primi giorni di luglio l'ultimo di una lunga serie di incontri ai quali Assoporti ha, come in passato, portato il proprio contributo, per quanto riguarda le infrastrutture portuali.

Il tema della discussione è stato: "Porti e le connessioni con le TEN-T" - approfondimento del rapporto redatto su incarico della Commissione Europea (Direzione Generale della Mobilità - DG Move), realizzato dal NEA (Istituto indipendente di ricerca internazionale del gruppo Panteia), dall'Università di Leeds, dall'Istituto Significance e dal Consorzio di DG Move - TNO.

Il rapporto contiene un'articolata descrizione del settore marittimo portuale riferito ai dati dei principali porti Europei, con ipotesi di sviluppo delle Reti lungo le diverse direttrici del continente.

Dallo studio delle aree portuali dell'Unione, rinforzando la coesione territoriale nonché i legami economici tra le regioni, si auspica di raggiungere una politica Europea delle infrastrutture e dei trasporti affiancata dalla rispettiva legislazione condivisa dagli Stati Membri.

L'incontro è stato particolarmente importante anche in considerazione dei numerosi approfondimenti nelle riunioni in sede dell'Organizzazione Europea dei Porti (ESPO), di cui Assoporti è membro fondatore.

La presentazione del rapporto ha consentito agli intervenuti di confrontarsi sui temi di comune interesse.
Ciò ha permesso, tra altro, di poter meglio articolare la posizione comune dei Porti Europei da presentare in versione definitiva nel prossimo mese di settembre, prima dell'approvazione del programma TEN-T previsto per il 15 del mese. «Abbiamo già trattato il tema più volte in Consiglio Direttivo Assoporti, da ultimo lo scorso mese di giugno», ha dichiarato Nerli, «e nella riunione di luglio approfondiremo con tutti i membri del Consiglio sia il rapporto, che invieremo agli associati, sia le successive bozze della posizione Europea, con nostre osservazioni e commenti, in modo da poter raccogliere tutti gli utili suggerimenti ed integrazioni».

Altri articoli per Logistica sostenibile

Ultimi articoli per Supply Chain

Consulenza e formazione

L’importanza della logistica spiegata ai giovani

16 maggio 2020

Video

Vedi tutti
Dalle Aziende

Conad Nord Ovest, la sfida vinta con Modula

11 maggio 2020
Dalle Aziende
Piattaforma Modula Cloud
08 aprile 2020
Dalle Aziende
Rire Hite presenta il sistema di avviso del traffico SAFE T SIGNAL
02 marzo 2020

Newsletter

Iscriviti alle nostre newsletter!

Ricevi gratuitamente informazioni e aggiornamenti in materia di logistica, trasporti, magazzino.

Seguici su Twitter

@logisticamente